Hikikomori, adolescenti chiusi in una stanza incollati a Internet (ma non sono depressi)

By Cristina Marrone Non si sentono all’altezza delle aspettative e per questo provano vergogna. Il fenomeno è nato in Giappone ma è in costante crescita anche in Italia. La Rete può aiutare segue…

Source: Corriere della Sera Salute

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »