Carlo Cracco: «Mi gettai tra le fiamme per salvare bottiglie preziose, ma ora il vino lo produco io»

Lo chef: «Ho cucinato per i 450 operai dell’ospedale in Fiera a Milano. I miei dicevano: questo pensa solo a mangiare e bere»
 – Leggi

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »