Coronavirus, la preghiera laica dell’operaio: “Io in trappola nella fabbrica”

By [email protected] (Redazione Repubblica.it)

Ernesto, 58 anni, lavora alla Beta Utensili in Brianza: “Il primo focolaio è stato in un ospedale, poi c’è stata la rivolta delle carceri, adesso non vorrei che il caos scoppiasse dentro a un’azienda metalmeccanica. Si rallenti la produzione”

segue…

Source: Repubblica Cronaca

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »