“Nel 2013 Casaleggio sottrasse dati personali attraverso Facebook”. La replica: “Agli utenti era richiesto consenso”

By [email protected] (Redazione Repubblica.it)

È l’accusa lanciata dal quotidiano online Linkiesta sulla base delle rivelazioni di Marco Canestrari, primo “whistleblower” dell’azienda-partito, oggi programmatore a Londra. La raccolta anticipava di tre anni i metodi di Cambridge Analytica e utilizzava una app per sottrarre…

segue…

Source: Repubblica Politica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »