Agrigento, il parco della Divina Commedia (chiuso da anni) è da restaurare. Ma l’artista che lo creò chiede mezzo milione

By Alan Scifo

“Lasciate ogni speranza o voi ch’entrate”. Rappresenta più di una profezia la frase tratta dall’Inferno di Dante, impressa in uno dei 110 monoliti di travertino che già si avvistano percorrendo la strada d’ingresso di Campobello di Licata, piccolo paese tra Agrigento e Caltanissetta. Lì ha sede il Parco della Divina Commedia, un’opera mistica nata dall’idea dell’artista italo argentino Silvio Benedetto che per una serie di vicissitudini ora ha bisogno di essere restaurata. L’unico a poterlo fare è il creatore e l’importo per farlo supera il mezzo milione di euro. Ecco la storia

Una scalata originale che parte dalla “selva oscura” per segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »