Amazon Alexa su qualsiasi dispositivo smart IoT, basterà un chip poco potente con 1 MB di RAM

By Tom’s Hardware per il Fatto

Amazon Web Services (AWS) pochi giorni fa ha confermato che Alexa Voice Service, il servizio per abilitare l’interfaccia vocale sui dispositivi IoT (Internet delle cose), adesso ha richieste minime hardware inferiori al passato. In pratica i produttori di lampadine, interruttori e altri prodotti intelligenti potranno impiegare chip a bassa potenza (Cortex-M) e con meno di 1 MB di RAM.

Una soglia a dir poco sorprendente se si considera che fino a oggi veniva richiesto di integrare almeno un processore ARM Cortex di classe A e 100 MB di RAM. Ciò vuol dire anche che grazie alle ultime segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »