Astaldi, si aprono le porte del «concordato in bianco»

By Simone Filippetti


Il general contractor della famiglia Astaldi, assistita dall’avvocato Gianni, presenterà richiesta al Tribunale per una procedura “prenotativa”….
segue…

Source: Il Sole 24 Ore Homepage

Commento (1)

  1. attilio

    un’altro gruppo senza i cosidetti , potrebbe uscire da baratro ma per staticità imprenditoriale si affida a professionisti che mirano solamente alla parcella professionale, i soliti professionisti italiani che non anno mai fatto nulla nella vita che i parassiti, gente spocchiosa e satura di inefficienza, paventano blasonati titoli privi di spina dorsale e alle difficoltà si rifigliano alle decisioni di giudici che non gliene frega nulla di cosa succederà delle sorti societarie e affidano le società alla conduzione di sciacalli che a tavolino dismetto per poche lire decenni di meritato lavoro di: dirigenti e industriali e operai.
    questa sarà sicuramente la fine di una gloriosa e blasonata società .
    la cosa incredibile con la fine di questa società Roma si spoglia del 70%delle società di cui dispone in merito alle infrastrutture e cede il suo potere contrattuale a poche ma pericolose s.p.a. società di sinistra.

    Replica

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »