Aung San Suu Kyi a L’Aia difende il Myanmar dalle accuse di genocidio contro i Rohingya: “Quadro fuorviante e incompleto”

By F. Q.

Un’accusa “incompleta ed errata”. Così il Consigliere di Stato del Myanmar e Premio Nobel per la Pace 1991, Aung San Suu Kyi, ha difeso il Paese dalle accuse di genocidio nei confronti della minoranza musulmana dei Rohingya presentate dal Gambia con l’appoggio di 57 Paesi dell’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic). Anche le Nazioni Unite hanno parlato in passato di “pulizia etnica”. San Suu Kyi, che martedì è arrivata alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja con la delegazione birmana, ha poi aggiunto che, “sfortunatamente, il Gambia ha presentato alla Corte un quadro fuorviante e incompleto della situazione nello Stato di Rakhine“, segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »