Auto, la crisi del diesel tedesco colpisce anche l’Italia: esuberi e fabbriche che chiudono tra riduzione degli ordini e delocalizzazioni

By Marco Procopio

Fabbriche del gruppo Mahle in via di chiusura in Piemonte, 620 esuberi alla Bosch di Bari, produzione in calo del 30 per cento nello stabilimento Fca di Pratola Serra, nell’avellinese. Da nord a sud le aziende specializzate nella componentistica auto stanno iniziando a pagare il prezzo della grande fuga dal diesel. Da quando è scoppiato il caso mondiale dei dati sulle emissioni truccati dalla tedesca Volkswagen, infatti, il mercato europeo delle automobili a gasolio è passato dal 51,5% del 2015 al 35,4% del 2018. E quest’anno, complice l’economia stagnante, le cose non stanno migliorando. Soltanto in Italia le immatricolazioni segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »