Border, tra fantasy e poliziesco, un racconto bizzarro su troll e umani pelosi con la coda

By Davide Turrini

Troll, hiisi, esseri umani con la coda, neonati inusualmente pelosi. C’è qualcosa di incredibilmente ancestrale, magico, repellente e allo stesso tempo ipnotico, in Border – Creature di confine, il film diretto dall’iraniano-svedese Ali Abbasi, in uscita in Italia grazie a Wanted dal 28 marzo 2019. Un racconto che oscilla tra il fantastico delle creature delle terre nordiche, e la più prosaica detection poliziesca a sfondo pedopornografico. Tina (Eva Melander) è una doganiera portuale dal viso mostruoso ma dall’olfatto eccezionale. Le basta far vibrare labbro e narice, poi tirare su con il naso, per scoprire ogni tipo di merce nascosta e segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »