Coronavirus, nel decreto gli standard delle ‘Fasi 2A e 2B’: “Così si passa dalla transizione alla avanzata. Nella Fase 3 solo con vaccino o cure”

By Andrea Tundo

Le novità del decreto in vigore dal 4 maggio non sono radicali perché la Fase 2 è organizzata per step, basati sui dati che nelle prossime settimane arriveranno dalle Regioni. Le riaperture con il contagocce e spalmate tra inizio, metà e fine del prossimo mese hanno una loro ragione scientifica. È tutto scritto in un allegato del Dpcm firmato domenica sera da Giuseppe Conte. La Fase 2, insomma, è stata spacchettata in Fase 2a e una Fase 2b, definite “transizione iniziale” e “transizione avanzata”. Gli spartiacque per il passaggio dalla prima alla seconda sono la “capacità di monitoraggio” e la segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »