Covid, dubbi della ministra Dadone sui buoni pasto a dipendenti pubblici in smart working: “Difficile riconoscere il ticket non presenti”

By F. Q.

I sette euro al giorno che spettano al dipendente pubblico sotto forma di buono pasto potrebbero saltare. Il motivo? Lo smart working. La ministra per la Pubblica amministrazione, Fabiana Dadone, nel corso di un’audizione in commissione Affari costituzionali alla Camera, ha espresso dubbi riguardo l’utilizzo dei buoni pasti nel caso il lavoro a casa continuasse ad essere esercitato dai dipendenti pubblici. Sarebbe “difficile” concepire il riconoscimento del ticket nel momento in cui viene meno la presenza fisica in ufficio, ha osservato la ministra.

La Pubblica amministrazione ad oggi va avanti per l’85% in lavoro agile e l’obiettivo è mantenere una soglia segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »