Dalla presenza militare alla guerra del gas, fino allo sport: la strategia di Erdogan per diventare il grande leader del mondo islamico

By Francesco De Palo

Dopo le nuove fiammate in Siria e a seguito del ruolo di mediatore che si sta ritagliando nella crisi del grano, Recep Tayyip Erdogan aspira a diventare leader del mondo islamico. Il presidente turco punta così a capitalizzare in maniera organica le influenze regionali del suo paese in Nord Africa, Medio Oriente, Caucaso e parti dell’Europa orientale ed è diventato sempre più aggressivo in altre aree sensibili come il nord Iraq, la Libia, la Grecia e Cipro. Ma il problema resta la relazione con la Russia, anche per il tramite tedesco.

Influenze e obiettivi
Dal momento che le attenzioni della comunità internazionale segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »