“Dopo l’incidente ho scoperto l’handbike e sono rinato. Ora sogno la Nazionale e le Olimpiadi”

By Raffaele Nappi

La vita di Dario Bartolotta, 37 anni, palermitano, è cambiata due volte: la prima, quando suo papà Salvatore, agente della scorta, il 29 luglio 1983 è stato ucciso dall’autobomba esplosa davanti l’abitazione del giudice Rocco Chinnici. La seconda quando nel 2012 un’auto lo ha investito in pieno mentre andava a lavoro in sella al suo motorino, lasciandolo paralizzato.

All’inizio i medici non si sbilanciano e Dario, che è determinato, non riesce a stare in quel limbo. Vuole sapere come sta, quando potrà tornare a camminare, come sarà la sua vita. Le settimane passano tra riabilitazione e fisioterapia. Nei mesi successivi Dario segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »