Droga Roma, l’ultrà fascista Diabolik sfruttava la ‘ndrangheta per prendersi la Capitale. Il tramite con la Colombia: “Lavoro a Medellin”

By Vincenzo Bisbiglia

Un’organizzazione criminale “fra le più potenti, ricche e spregiudicate operanti sul territorio capitolino”. Fabrizio Piscitelli, detto “Diabolik”, se non fosse stato ucciso il 7 agosto scorso, sarebbe stato arrestato ieri nell’ambito dell’operazione della Dda di Roma e dei finanzieri del Gico che ha smantellato la sua “batteria”. Ed è in questo contesto che potrebbe essere maturato l’omicidio del capo ultrà degli Irriducibili Lazio, avvenuto al Parco degli Acquedotti di Roma. Un collegamento che emerge dall’ordinanza di custodia cautelare, con gli inquirenti che mettono in fila alcune circostanze avvenute in precedenza. Un “vorticoso giro d’affari” nato sotto l’egida camorristica dei segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »