Festa del Fatto, l’intervista a Speranza: “Lo studio ‘segreto’? Scelta del Cts perché range di ipotesi era ampio, complicato renderlo pubblico”

By F. Q.

A voler tenere “riservato” lo studio sugli impatti del coronavirus elaborato dal Comitato tecnico-scientifico a metà febbraio sono stati gli stessi scienziati. E in ogni caso la decisione di non renderlo pubblico verteva sulla necessità non solo di “non diffondere allarme” ma anche su una “solidità scientifica” che non era ancora netta perché “il range di ipotesi elaborate era ampio”. Diffonderlo era quindi “complicato”. Così il ministro della Salute Roberto Speranza ha risposto alle accuse di aver secretato lo studio. Che oltretutto, dice alla Festa del Fatto Quotidiano intervistato dalla vicedirettrice Maddalena Oliva e da Gad Lerner, “mi è stato segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »