La “Gomorra” dei carabinieri di Piacenza tra spaccio e pestaggi: “Non arriveranno mai a noi, ho fatto un’associazione a delinquere”

By Giovanna Trinchella e Andrea Tundo

C’era la “piramide” dello spaccio, c’erano i pestaggi, gli arresti illegali e le estorsioni a suon di botte. “Uno l’ho fracassato, si è proprio pisciato addosso”, raccontava al telefono uno dei carabinieri arrestati a Piacenza. Per dirla con le parole della procuratrice Grazia Pradella, nella caserma di via Caccialupo “non c’era nulla di lecito” e uno dei militari finiti in carcere aveva “un atteggiamento in stile Gomorra”. Le intercettazioni captate dagli investigatori della Guardia di Finanza raccontano uno spaccato di criminalità che girava attorno al gruppo di dieci carabinieri – cinque dei quali finiti in cella, segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »