La morte di al-Zawahiri è il punto più basso del declino decennale di al-Qaeda. Il futuro del jihad potrebbero essere i gruppi locali

By Lorenzo Forlani

Lo scorso 31 luglio, nei dintorni di Kabul, un drone americano ha ucciso Ayman Al Zawahiri, leader di al-Qaeda dalla morte di Osama bin Laden 11 anni fa, nonché suo ideologo da oltre venti. Una notizia che, complice anche la guerra in Ucraina, è stata accolta con toni più blandi rispetto a quelli conseguenti all’eliminazione del leader dell’Isis, Abu Bakr al-Baghdadi, quasi tre anni fa: al-Zawahiri era infatti il leader ormai in ombra di un’organizzazione terroristica declinante da almeno dieci anni, soppiantata sul piano della barbarie e dell’efficacia operativa dallo stesso Stato Islamico e segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »