Lavoro, il lockdown lo pagano giovani e precari. Inps: in aprile spariti mezzo milione di contratti a termine

By F. Q.

Non si licenzia ma neppure si assume. E a farne le spese sono stati in questi mesi i lavoratori con contratti a termine che arrivano a scadenza e raramente vengono rinnovati. Che questo fosse il punto debole della barriera eretta dal governo a tutela dell’occupazione era facilmente intuibile. I numeri diffusi oggi dall’Inps danno però la misura del fenomeno: a fine aprile si contavano 499 mila posizioni lavorative a termine in meno rispetto allo stesso mese dell’anno prima. Impressionante l’accelerazione: – 29mila a febbraio, – 279mila a marzo. Crollo anche per gli stagionali: – 89 mila a segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »