Nagorno-Karabakh, bombardamenti azeri: uccisi 16 soldati armeni. La controffensiva aerea per neutralizzare depositi di munizioni

Nella regione indipendente Nagorno-Karabakh riprendono, dopo 30 anni, i combattimenti fra gli indipendentisti armeni e i soldati azeri. Il bilancio al momento è di circa 16 soldati armeni rimasti uccisi e un centinaio di feriti, anche tra i civili. Armeni e azeri tornano a combattere dal lontano 1988, quando questa piccola regione di circa 143 mila abitanti aveva deciso di non sottomettersi all’Azerbaijan per unirsi all’Armenia. Ora il pericolo è che si riaccenda un conflitto dietro il quale si nascondono i forti interessi di Turchia e Russia nel Caucaso. La controffensiva azera: i bombardamenti per neutralizzare i veicoli da combattimento armeni e i depositi di munizioni nel Nagorno-Karabakh.

L’articolo Nagorno-Karabakh, bombardamenti azeri: uccisi 16 soldati armeni. La controffensiva aerea per neutralizzare depositi di munizioni proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »