Napoli, a Scampia arriva il libro sospeso: “In un anno distribuiti più di 830 volumi ai ragazzi. Cerchiamo di portare cultura lì dove c’era droga”

By Ilenia De Rosa

Non solo un “caffè sospeso”, ma ora anche un “libro sospeso”. Rifacendosi alla tradizione partenopea una piccola casa editrice, la Marotta&Cafiero, ha lanciato una sfida culturale nel quartiere dove degrado e camorra hanno fatto da padroni per decenni e dove c’è il record nazionale di disoccupazione. Un modo, afferma Rosario Esposito La Rossa (qui il suo blog), direttore editoriale della casa editrice, per avvicinare le famiglie alla lettura. L’utente può andare in libreria, alla “Scugnizzeria”, comprare il proprio volume, e poi sceglierne un altro per un ragazzo della zona, lasciandolo alla cassa insieme a una dedica. Oppure fare la segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »