Nel Mediterraneo sono aperti molti fronti di crisi. E ognuno pensa solo ai propri interessi

By Centro studi Unimed

di Roberto Iannuzzi*

Fino a pochi anni fa, per assistere a un uragano bisognava spostarsi negli oceani, dall’Atlantico al Pacifico. Oggi una tempesta di notevole potenza può scoppiare anche nel Mediterraneo. Il discorso potrebbe riferirsi ai cambiamenti climatici, ma si applica progressivamente anche a quelli geopolitici se nella frase precedente agli oceani sostituiamo il Medio Oriente.

Nei decenni passati abbiamo assistito alla distruzione dell’Iraq, poi della Siria e dello Yemen. Conflitti di inaudita violenza ma di breve durata hanno investito il Libano e Gaza. Le tensioni con l’Iran sono cresciute fino a raggiungere più volte i limiti di un conflitto armato. Molti segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »