Oriol Bohigas, non solo un architetto: ha toccato il cuore della società catalana

By Andrea Lupi e Pierluigi Morena

Quando ci ricevette nello studio Mbm, in uno dei quattro angoli della Plaça Reial, mostrò un sorriso stanco e una curiosità accesa. Oriol Bohigas, un punto fermo dell’architettura e della cultura spagnola, voleva capire cosa fosse accaduto nella “sua” Salerno, una città che negli anni ’90 l’aveva “ingaggiato” come urbanista per realizzare un obiettivo alto: ridisegnare l’urbe e lanciare la città tirrenica verso una dimensione più aperta, seguendo, ove possibile, le tracce di una metropoli come Barcellona.

Era l’autunno del 2009, Salerno viveva la stagione dell’opposizione civica al Crescent, il simbolo della speculazione edilizia calata dall’alto, con l’allora sindaco Vincenzo De segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »