Russia, il capo dell’Fsb insiste: “I servizi ucraini coinvolti in attacco al Crocus City Hall di Mosca”

By F. Q.

I servizi di sicurezza russi (Fsb) restano convinti che l’intelligence militare ucraina sia coinvolta nell’attacco terroristico alla sala concerto Crocus City Hall di Mosca del 22 marzo scorso, in cui sono morte 144 persone e 551 sono rimaste ferite. Lo ha ribadito martedì il direttore del servizio, Alexander Bortnikov, durante una riunione Comitato nazionale antiterrorismo russo.

L’attacco al Crocus è stato rivendicato dall’Isis-K, la branca di Daesh nata nella provincia persiana del Khorasan, a cavallo tra Iran, Afghanistan e Turkmenistan. Ma le autorità russe, pur ammettendo che gli esecutori materiali erano estremisti islamici, fin dal primo giorno hanno puntato il segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »