Scoperto in rete un database non protetto con i dati di 1,2 miliardi di persone

By Tom’s Hardware per il Fatto

Foto: Depositphotos

Nell’era dei social e di una rete sempre più pervasiva, non ci rendiamo conto di quanto la nostra privacy e a volte la nostra stessa sicurezza sia a rischio, finché non è troppo tardi, o non succedono episodi come questo. Recentemente infatti, come riportato da Bloomberg, un ricercatore di sicurezza ha rinvenuto su un server di Google Cloud un enorme database da ben 40 terabyte completamente sprovvisto di protezioni e dunque accessibile da chiunque, che conteneva i dati di ben 1,2 miliardi di persone, tra cui link ai profili social, indirizzi mail e numeri di cellulare.

Ne parliamo al passato perché, segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »