Silvano Agosti pubblica il suo ultimo libro con Mondadori. E gli haters vadano a Kirghisia

By Ricky Farina

Amo il cinema perché amo la vita e amo la vita perché amo il cinema. Cocteau diceva che “il cinema è la morte al lavoro”, Silvano Agosti dice che “il lavoro è la morte del cinema”. Nel mondo del cinema ho solo due amici e sono due “irregolari”: Silvano Agosti e Bruno Zanin (il Titta di Amarcord, tanto per intenderci sbrigativamente, ma molto altro: scrittore per esempio).

A me sono sempre piaciuti gli irregolari, per essere più precisi: gli irriducibili; quegli artisti che non accettano per indole e per principio di essere appunto “ridotti” al ruolo di artista, di occupare una segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »