Suicidio assistito, così Mario spiega le ragioni della sua richiesta: «Nessuno può dirmi che non sto troppo male per continuare a vivere in queste condizioni»

Suicidio assistito, così Mario spiega le ragioni della sua richiesta: «Nessuno può dirmi che non sto troppo male per continuare a vivere in queste condizioni»

Il video dell’Associazioni Coscioni le parole del paziente tetraplegico che è riuscito, per la prima volta in Italia, a farsi riconoscere la possibilità di accedere al suicidio assistito

 – Leggi

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »