Tangenti Mose, giudici contabili tagliano il conto del danno erariale che scende a 6,9 milioni

By Giuseppe Pietrobelli

I giudici contabili tagliano due terzi del conto da pagare per le tangenti del Mose. La Procura della Corte dei Conti veneta aveva chiesto la condanna a risarcire 21,75 milioni di euro per le tangenti del Mose all’ingegnere Giovanni Mazzacurati già presidente del Consorzio Venezia Nuova (è deceduto pochi mesi fa), all’imprenditore veronese Alessandro Mazzi e al Consorzio stesso. Ma i giudici contabili hanno sforbiciato la somma, riducendola ad un terzo. E così la condanna per danno erariale è stata fissata in 6,9 milioni.

La decisione è stata adottata dal presidente Carlo Greco, dal relatore Innocenza Zaffina e dal giudice Daniela segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »