Tunisia, ragazzo si dà fuoco perché disoccupato. Quasi 60 tentativi di suicidio negli ultimi tre mesi a causa del disagio sociale

By Arianna Poletti

Come Mohamed Bouazizi, otto anni dopo. Un ragazzo della città di Jelma nel governatorato di Sidi Bouzid, la regione centrale della Tunisia dove ha avuto inizio la rivoluzione dei Gelsomini, si è dato fuoco in piazza. Un tentativo disperato di denunciare la propria condizione sociale: secondo la stampa locale, Abdelwaheb El-Hablani era stato escluso dalla lista dei beneficiari di un programma di reinserimento statale dedicato a giovani disoccupati e da mesi non riceveva più uno stipendio. Il venticinquenne è deceduto sabato scorso in ospedale dopo aver riportato ustioni gravi sul 95% del corpo. E domenica 10 dicembre le manifestazioni nell’entroterra segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »