Turismo, basta grand hotel: la montagna punta sul territorio e i suoi prodotti

By Paolo Martini

Se ci fossero tanti Dario Franceschini quante le gatte da pelare che si ritrova il ministro della Cultura e del Turismo, tra le estenuanti mediazioni nel Pd e il ruolo di capo delegazione nel governo Conte, ci sarebbe qualche speranza in più di riuscire a vederlo venire a capo dei nodi che il Covid ha stretto sulle attività cui attende il suo ministero. Non si è mai visto un tale tracollo del mondo dello spettacolo, ormai oltre lo stato d’emergenza, e poi c’è il groviglio del turismo, con tutto quello che vuol dire in Italia (si parla di un 13% segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »