«Una mamma mi disse: solo ora rivedo mio figlio». 30 anni dopo, Barenboim ricorda la caduta del Muro di Berlino

La sera che cadde il Muro, il direttore d’orchestra andò a letto presto Tre giorni dopo, suonò per i ragazzi della Ddr: “Non tutto era da buttare»

segue…

Source: Corriere della Sera Homepage

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »