Anche l’isola felice di Internet è diventata un luogo di estremisti. Il caso Substack

By [email protected] (Redazione di Italian Tech)

C’è stato un momento in cui si credeva che newsletter e blog potessero essere l’ultimo rifugio di chi voleva rifuggire odio e frivolezze da influencer. Non è andata così. Un’inchiesta di The Atlantic ha scovato decine di gruppi neonazisti su Substack. Altrove è lo stesso

segue…

Source: Repubblica Tecnologia

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »