Spesso i siti pedopornografici, pur segnalati, restano online. Ecco perché

Tra burocrazia e libertà d’espressione, non si capisce chi e come debba chiudere quelli usati per commettere reati online che vanno dalla pedofilia allo spamming

 – Leggi

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »