Coronavirus, gli italiani non rinunciano alla radio ma cambia il modo in cui l’ascoltano

Uno studio proposto dal Tavolo Editori Radio dimostra che il consumo radiofonico non ha subito cali, anche se si ascolta da casa, dove è più semplice interagire
 – Leggi

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »