«Homeland», metafora di una nazione in cerca di identità

Nell’ultimo atto ritroviamo l’agente Carrie Mathison nell’ospedale militare americano di Landstuhl in Germania, in riabilitazione dopo una prigionia di 213 giorni in Russia segue…

Source: Corriere della Sera Spettacoli

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »