Il discografo: quiete ed elettricità nella «No Land’s» di Matteo Bortone

Il jazzista pugliese si conferma con il suo ultimo album registrato a Parigi tra i migliori esponenti della generazione dei trenta-quarantenni italiani ed europei
 – Leggi

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »