Archivio Tag: Amazon

Customer experience, in un settore in rapido cambiamento è questo a fare la differenza

Centri silenziosi, vie della moda deserte, centri commerciali vuoti, negozi che abbassano le saracinesche. Uno scenario che fino a qualche anno fa sembrava impossibile immaginarsi ma che oggi, dopo il knock out delle chiusure forzate per effetto della pandemia, è realtà! La causa, però non è solo il Covid! Il virus ha solo avuto l’effetto di accelerare un processo di consapevolezza.

Il settore della vendita al dettaglio è totalmente cambiato e, come in ogni altro settore, chi non si adatta è destinato al fallimento. Perché in un mondo in cui uno shop viene scelto basandosi su un giudizio osservato sino all’ultima virgola vi è la necessità di rendersi conto che ciò che differenzia un rivenditore da un altro è la customer experience, cioè l’esperienza complessiva che i clienti vivono durante tutta la loro relazione con l’azienda.

I vecchi concetti di marketing, assorbiti solo teoricamente dagli imprenditori, ribadiscono che la strada da percorrere è quella di essere la fonte per risolvere il problema dei clienti o di regalare un’emozione piacevole o ancora di aver rettificato una ingiustizia. Ma dalla teoria alla pratica c’è di mezzo l’organizzazione della cassetta degli attrezzi dell’imprenditore che presenta una enorme lacuna: non si raccolgono ed elaborano i dati dei clienti (anche potenziali).

I dati dei clienti, infatti, sono l’elemento essenziale per migliorare la customer experience. Non solo dati anagrafici o relativi agli acquisti già effettuati ma è necessario conoscere anche le connessioni emotive (ad esempio quella relativa alla coda per entrare nel negozio), le risposte ai desideri più reconditi (ad esempio il processo di restituzione dell’oggetto acquistato), per la vendita al dettaglio del futuro.

Immaginiamo un concessionario automobilistico che vende auto personalizzabili in tutto. Le infinite opzioni del colore, della finitura, delle motorizzazioni, dei servizi integrati, ecc. portano il consumatore a pensare e ripensare sin quando sceglierà l’opzione più semplice: non comprare affatto.

Ancora una volta chi ha, invece, la possibilità di utilizzare i dati potrà restringere il campo delle opzioni per offrire un prodotto mirato al singolo e convincere i consumatori della necessità di dover vivere quel tipo di esperienza e prima ancora di educarli sui benefici di quella esperienza. E poi, dopo l’acquisto, capire se quel tipo di esperienza lo ha soddisfatto!

Ciò che il consumatore desidera è che tu anticipi le sue esigenze in un modo che non può articolare da solo. Pertanto, il rivenditore di domani potrebbe avere meno articoli e maggiore attenzione al cliente. E questo potrebbe essere un vantaggio, perché meno prodotti da supportare significa un budget inferiore.

In sintesi la customer experience inizia molto prima che il cliente metta piede all’interno del negozio e finisce molto dopo. Non dimentichiamo che, negli ultimi 10 anni, ci sono stati tre fondamentali cambiamenti di contesto che spesso gli imprenditori fanno fatica a considerare.

Innanzitutto bisogna fare i conti con il forte incremento della comunicazione. Siti di recensioni come TrustPilot e TripAdvisor rendono certo che ogni qualvolta qualcuno parla di una brutta esperienze, le persone si allontanano sempre più anche da ciò che gli viene consigliato da amici e parenti.

In secondo luogo occorre tener presente l’aumento del numero di canali. L’immediatezza del mobile può fare la fortuna o distruggere, ad esempio, un film nel momento in cui viene proiettato per la prima volta, semplicemente attraverso i commenti scritti persino mentre si è seduti in sala per la visione;

Infine è sicuramente aumentata la percezione delle aspettative. Siti come Amazon dimostrano come dovrebbe essere realizzato un servizio al consumatore ed i clienti sono meno disposti che mai a sopportare un servizio scadente. Un dato, quindi, è certo: i consumatori di domani non continueranno a fare shopping negli stessi rivenditori d’oggi. Ma gli imprenditori, soprattutto i piccoli, non vogliono accettarlo.

Nei processi di riorganizzazione di imprese del settore della grande distribuzione che mi sono trovato ad interfacciare in questi ultimi anni ho riscontrato, quasi sistematicamente, che i rivenditori di oggi non sanno chi sono i loro clienti o, quando li riconoscono, sanno solo una piccola parte di loro che è ancora peggio visto che, in tal modo, non si riesce a capire quali sono i loro desideri reali, di avere, insomma, il quadro completo.

In conclusione, ciò che il cliente si aspetta e desidera sta cambiando rapidamente. I migliori rivenditori di domani saranno, almeno un po’, come i migliori rivenditori del lontano passato. Venderanno un chiaro vantaggio, in un modo divertente, che risolve una situazione riconosciuta dal cliente. E lo faranno ovunque il cliente desideri fare acquisti, sia che si tratti di un centro commerciale che di uno store virtuale. Il domani è qui, è tempo di iniziare però.

L’articolo Customer experience, in un settore in rapido cambiamento è questo a fare la differenza proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Big Tech, dopo 20 anni l’Antitrust europeo aggiorna le sue regole. Multe più severe e possibili scorpori, ma ormai è tardi

Meglio tardi che mai. Dopo 20 anni l’Unione europea aggiorna la sua normativa antitrust per i colossi del web. Presto per brindare, il “digital act” è stato illustrato oggi dai commissari Ue alla concorrenza Margharete Vestager e per il mercato interno Paul Barnier, ma dovrà ora essere votato dal parlamento. Al momento non è stata definita una tempistica per l’approvazione. Ci sono insomma praterie per l’intervento delle lobbies. Giusto per avere un’idea, tra il 2014 e il 2016 la sola Google ha avuto ad esempio 120 incontri con esponenti dell’unione europea per patrocinare le sue ragioni. Per ora il nuovo regolamento prevede maggiori poteri di indagine e soprattutto un inasprimento delle sanzioni. Le società che non rispettano le regole sulla concorrenza potranno subire multe fino al 10% del loro fatturato globale. Per un gruppo come Amazon significherebbe ad esempio dover pagare multe fino a circa 28 miliardi di euro.

Ci saranno poi multe fino al 6% per le società che non adempiono agli obblighi di vigilanza. Spunta anche la possibilità di scorporare “con la forza” alcune unità di business. La “tagliola” scatta in caso di ripetute violazioni delle regole nel giro di 5 anni. Ricordiamo comunque che in base alle leggi attuali i monopoli non vengono perseguiti in quanto tali, ma solamente se vengono raggiunti attraverso comportamenti concorrenziali scorretti. Lo ha ribadito oggi il commissario Barnier: “noi non diremo mai che una società è troppo grossa, ma più aumentano le dimensioni più aumentano le regole”. Dopo aver autorizzato di tutto e di più, le autorità Antitrust di Stati Uniti ed Unione Europea si sono forse accorte che la situazione rischia ormai di finire fuori da ogni possibile controllo. “Too big to regolate”, vengono ormai etichettate società come Facebook, Google etc, proprio per l’immensa concentrazione di potere che ormai costituiscono.

I buoi sono già fuggiti da un pezzo – Nell’ultimo decennio i big della tecnologia hanno concluso qualcosa come 400 acquisizioni. Google, tra le altre cose, ha comprato i suoi due principali concorrenti di pubblicità on line, vale a dire AdMob e Doubleclick, ha acquisito YouTube, e la concorrente nel settore delle mappe on line Waze. Facebook ha comprato Instagram (le autorità antiturst diedero via libera perché, a loro dire, non si trattava di un social media e le raccolte di foto sono scarsamente monetizzabili) e poi Whatsapp. Oggi Google e Facebook insieme controllano l’84% della pubblicità on line. Nessun rilievo neanche per le acquisizioni di Amazon: Zappos, Whole Foodd, Soap.com. I colossi presidiano costantemente quella che viene definita la “kill zone”. Appena un concorrente potenzialmente minaccioso si affaccia all’orizzonte viene acquisito o, in qualche modo, spinto fuori dal mercato.

Si muovono anche Usa e Cina – In generale non è un buon momento per i colossi del web. O forse è vero il contrario. Il momento è così buono che anche le autorità più sonnacchiose si sono svegliate. La pandemia, con il boom del ricorso a servizi e acquisti on line, come ormai è noto, è stato un balsamo per i conti e il potere dei protagonisti del web. Sta di fatto che qualcosa si è messo in moto. Negli Stati Uniti, in Europa e anche in Cina. Oggi la Federal Trade Commission (Ftc), agenzia Usa a tutela dei consumatori e della concorrenza, ha chiesto a nove colossi tecnologici di fornire informazioni su come raccolgono e usano i dati degli utenti. La richiesta, fa sapere l’autorità in una nota, è stata inviata ad Amazon, Facebook, WhatsApp, Twitter e YouTube, e ancora a Snapchat, TikTok, Reddit e Discord. Le società hanno 45 giorni di tempo per rispondere. Nel dettaglio la Ftc vuole sapere come queste realtà raccolgono, utilizzano, tracciano e ricavano informazioni personali e demografiche; come determinano quali pubblicità mostrare agli utenti; se applicano algoritmi o analisi dei dati alle informazioni personali; in che modo misurano, promuovono e ricercano il coinvolgimento degli utenti; e come le loro pratiche influenzano bambini e adolescenti. Un recente rapporto del Congresso Usa aveva evidenziato, oltre a numerosi abusi concorrenziali, un uso piuttosto spregiudicato dei dati degli utenti. In particolare un ex dipendente di Amazon aveva affermato: “è come un negozio di caramelle, ognuno prende quello che vuole”.

Cinque giorni fa la stessa Federal Trade Commission (Ftc) e una coalizione di 48 Stati Usa hanno deciso di fare causa a Facebook, accusando il social network di pratiche anticoncorrenziali. Nel mirino dell’offensiva legale guidata dalla procuratrice generale di New York, Letitia James, che ha lanciato due cause, ci sono anche l’acquisizione di Instagram e di WhatsApp, per cui si arriva a ipotizzare lo scorporo. La risposta della società non sembra effettivamente del tutto campata in aria. “Revisionisti, anni fa furono loro ad autorizzare queste acquisizioni”, ha affermato il gruppo guidato da Mark Zukerberg.

Intanto le autorità cinesi sono alle prese con un vero e proprio cambio di paradigma. Da un sostanziale laissez faire applicato all’internet domestico ad una vigilanza puntuale. Le prime avvisaglie le hanno già sperimentati grandi nomi del web cinese come Alibaba e Tencent (entrambe con sede fiscale alle isole Cayman), multate e bloccate nella loro campagna di espansione. Anche Pechino adduce tra le motivazioni della sua discesa in campo l’eccessiva concentrazione e potere di pochi nomi e dubbi sull’utilizzo dei dati degli utenti. Le autorità hanno chiarito che la legislazione anti monopolio si applica anche alle società internet, cosa che sinora non era sinora mai stata esplicitata. Naturalmente per un governo come quello cinese è particolarmente indigesta l’idea di avere a che fare con soggetti che sfuggono a direttive e controlli.

L’articolo Big Tech, dopo 20 anni l’Antitrust europeo aggiorna le sue regole. Multe più severe e possibili scorpori, ma ormai è tardi proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Huawei MateBook X Pro, notebook 13,9 pollici potente e leggero con 270 euro di sconto su Amazon

Huawei MateBook X Pro è un portatile da 13,9 pollici caratterizzato dall’ottimo mix tra dimensioni e potenza di calcolo. All’interno di un elegante chassis metallico infatti è racchiusa una piattaforma hardware di discreta potenza, sufficiente a consentine l’utilizzo anche come postazione domestica per lo svolgimento di task più impegnativi, come ad esempio montaggio video, ovviamente però non a livello professionale. Su Amazon è più conveniente che mai, grazie a uno sconto di ben 400 euro, che portano il prezzo dagli originali 1999 a 1729 euro, un prezzo certamente non ancora adatto a tutte le tasche ma che può rappresentare un investimento sensato per chi ha esigenze specifiche.

L’elegante corpo metallico con taglio a diamante e rifinitura sabbiata ha uno spessore di soli 14,6 mm e un peso di 1,33 Kg ed è quindi facile da trasportare ovunque, sia pe svago che per lavoro. Il fontale è dominato dallo schermo (che occupa il 91% grazie alle cornici sottilissime), un pannello con diagonale di 13.9 pollici, rapporto 3:2, risoluzione di 3000 x 2000 pixel e copertura del 100% della gamma cromatica sRGB.

La dotazione prevede invece un processore Intel Core i7-8565U, scheda grafica dedicata Nvidia GeForce MX250, 8 GB di RAM e unità a stato solido da 512 GB. Moduli WiFi 802.11ac e Bluetooth 5.0, una porta USB-A, due USB-C di cui una con supporto alla tecnologia Thunderbolt 3.0, jack audio da 3,5 mm e batteria da 57,4 Wh, in grado di garantire fino a 12 ore di navigazione Web, 13 ore di video playback in Full HD o 14 ore di lavoro normale, ne completano la dotazione.

L’articolo Huawei MateBook X Pro, notebook 13,9 pollici potente e leggero con 270 euro di sconto su Amazon proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Microsoft Surface Pro 7, tablet professionale con 200 euro di sconto su Amazon

Microsoft Surface Pro 7 è un dispositivo che negli ingombri di un tablet racchiude la potenza di un notebook di fascia alta, unendo così trasportabilità e versatilità. Al suo interno infatti è integrata un’ottima piattaforma hardware, inoltre all’occorrenza l’utente potrà anche decidere di acquistare separatamente la custodia con tastiera integrata e il pennino digitale, espandendone ulteriormente le capacità in ottica di una produttività ancor più elevata. Certo, tanta flessibilità d’uso ha un prezzo elevato, ma oggi su Amazon l’allestimento base con processore Intel Core i5, 8 GB di RAM e SSD da 128 GB è disponibile in offerta con uno sconto di 204,01 euro, che abbassa il prezzo sotto la soglia psicologica dei 1000 euro, dagli originali 1069 euro a 864,99 euro.

Il Surface Pro 7 è un tablet con elegante chassis in lega di magnesio, leggero e compatto, ed un display PixelSense da 12,3 pollici di diagonale con risoluzione di 2736 x 1824 pixel, che è uno dei migliori del mercato per qualità della gamma cromatica riprodotta e risoluzione. La versione in offerta oggi prevede un processore Intel Core i5, affiancato da 8 GB di RAM e un’unità a stato solido da 128 GB dedicata all’archiviazione dei dati. L’autonomia dovrebbe attestarsi attorno alle 10 ore e mezza.

La dotazione è poi completata da moduli WiFi e Bluetooth e da un parco porte completo, che comprende due porte USB, di cui una USB-C, un connettore jack da 3.5 mm per cuffie, una Mini DisplayPort, lettore di memorie microSDXC e due porte proprietarie per l’espandibilità e il collegamento della TypeCover.

L’articolo Microsoft Surface Pro 7, tablet professionale con 200 euro di sconto su Amazon proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Apple Watch Series 4, smartwatch in offerta su Amazon con sconto del 21%

Su Amazon oggi è possibile acquistare uno smartwatch Apple Watch Series 4 (la penultima generazione, introdotta alla fine del 2018) a 639 euro anziché 809, un risparmio di ben 170 euro, reso possibile dallo sconto del 21%. Si tratta di un’occasione da non perdere perché la quarta serie di questo dispositivo è davvero un ottimo prodotto, assai simile all’ultima per caratteristiche e molto migliore rispetto alla precedente serie 3, di cui rappresenta una completa rielaborazione.

Il modello in offerta è quello con cassa da 40 mm in acciaio color nero siderale, abbinato al cinturino in maglia milanese, ma ovviamente ci sono anche altri modelli disponibili, con un’estetica diversa. Per quanto riguarda le caratteristiche tecniche, il Watch Series 4 è stato il primo col nuovo display, il 30% più ampio rispetto a quello del Series 3 e identico a quello del modello più recente.

La principale caratteristica dello smartwatch però è quella di integrare funzioni telefoniche complete. Il modello in promozione infatti integra un modulo 4G LTE e una eSIM e, grazie anche all’integrazione della rubrica, permette quindi di effettuare e ricevere chiamate ovunque ci si trovi, senza necessità di avere lo smartphone con sé. Per poter utilizzare queste funzionalità avanzate è comunque necessario sottoscrivere un abbonamento ad hoc con un provider.

Inoltre Apple Watch Series 4 consente di installare app dall’Apple Store, inviare e ricevere SMS e messaggi, integra un cardiofrequenzimetro avanzato, in grado di rilevare anche l’insorgere di alcuni disturbi cardiaci gravi e ovviamente offre anche tutte le tipiche funzioni di una fitness band, come riconoscimento automatico del tipo di allenamento, personal trainer, e fitness tracker per avere sempre sott’occhio i progressi fatti e mantenersi in perfetta forma.

L’articolo Apple Watch Series 4, smartwatch in offerta su Amazon con sconto del 21% proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

LG Gram 15Z990, notebook ultraleggero e compatto in offerta su Amazon con sconto di 500 euro

Un portatile che sia leggero e compatto ma al tempo stesso dotato di una buona piattaforma hardware è la soluzione ideale, non soltanto per essere produttivi anche in mobilità, ma per realizzare una seconda postazione domestica “mobile” che però non imponga troppi compromessi. LG Gram 15Z990, il notebook ultraleggero e compatto del produttore sudcoreano, appresenta tutto questo e oggi è più appetibile che mai, grazie a uno sconto di ben 500 euro sul prezzo originario. Su Amazon infatti il prezzo è stato tagliato del 33%, portandolo da 1499 euro a 999 euro.

LG Gram 15Z990 misura 357.6 x 228.4 x 14.5-16.8 mm e pesa appena 1099 grammi, poco più di un chilo. Nonostante questo, la scocca, realizzata in lega di alluminio e carbonio, è particolarmente robusta e resistente, tanto da essere certificata contro urti e cadute secondo il rigido standard militare MIL-STD810G.

Il display da 15,6 pollici è racchiuso tra cornici assai sottili, che hanno consentito quindi di ottenere un’ampia superficie di visualizzazione in un corpo più compatto. Lo schermo utilizza un pannello LCD di tipo IPS con risoluzione di 1920 x 1080 pixel e copertura della gamma colore sRGB superiore al 96%, caratteristica che lo rende utilizzabile anche da parte di professionisti dell’immagine e dell’editing.

La piattaforma hardware, pur senza pretendere di essere adatta al gaming, al video editing o allo svolgimento di altri task particolarmente pesanti come il rendering 3D, garantisce ottime prestazioni. Troviamo infatti un processore Intel Core i5-8265U, affiancato da 8 GB di RAM e da un’unità a stato solido da 512 GB, che unisce prestazioni e una discreta capienza. La dotazione è poi completata da tastiera retroilluminata, 2 porte USB 3.0, pota USB-C, lettore di memorie microSD, uscita video HDMI, jack audio da 3,5 mm, modulo WiFi 802.11ac e batteria da 72 Wh che dovrebbe garantire oltre 20 ore di autonomia.

L’articolo LG Gram 15Z990, notebook ultraleggero e compatto in offerta su Amazon con sconto di 500 euro proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Aukey, caricatore USB da muro 60 W per smartphone e notebook, in offerta su Amazon con sconto del 24%.

Chi vive quotidianamente in mobilità, per lavoro o studio, sa bene quanto sia fondamentale portarsi poco peso dietro ma al contempo poter ricaricare i propri dispositivi, come smartphope o tablet e notebook, il più velocemente possibile, per non restare improduttivi troppo a lungo. Il caricabatteria USB-C di Aukey ha una potenza di 60 W e due porte e può quindi ricaricare fino a due dispositivi. Su Amazon è proposto con uno sconto del 24% e un prezzo di 37,99 euro anziché 49,99 euro.

Caratterizzato da dimensioni e peso ridotti (67 x 64 x 29 mm per 150 g), il caricatore Aukey è molto curato sia nel design che nella realizzazione, risultando versatile e molto utile in diversi scenari d’uso. Dotato di due porte, una USB-C e una USB normale, è in grado di erogare fino a un massimo di 60 W di potenza ed è dotato delle tecnologie Power Delivery e Aukey Dynamic Detect.

La prima è un nuovo standard di ricarica universale a tensione variabile, che regola dinamicamente la potenza in uscita tramite una connessione USB-C, per consentire una ricarica sicura ed efficiente per un’ampia gamma di dispositivi compatibili.

Dynamic Detect invece permette alla carica di essere indirizzata ad una singola porta invece che essere dispersa tra le porte inutilizzate. Quando connesso a un singolo dispositivo, il caricatore Aukey con Dynamic Detect fornisce accesso alla massima potenza del caricatore, mentre per più di un dispositivo garantisce una carica efficace e simultanea distribuendola in maniera intelligente.

L’articolo Aukey, caricatore USB da muro 60 W per smartphone e notebook, in offerta su Amazon con sconto del 24%. proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

RAVPOWER FileHub, router e ripetitore WiFi portatile, hard disk e power bank tutto in uno in offerta su Amazon

Chi si trova spesso a operare in mobilità ha tante necessità diverse: connettersi a Internet, trasportare i propri dati e magari avere anche una power bank per non restare mai senza batteria. Normalmente questo impone di portarsi dietro più dispositivi diversi. In alternativa c’è il RAVPOWER FileHub, in grado di fare da router WiFi se connesso a una rete fissa, da ripetitore se connesso a una rete wireless e in più è un hard disk esterno e una power bank. Su Amazon è in offerta con il 29 % di sconto al prezzo di 42,83 euro anziché 59,99 euro.

Vediamo più nel dettaglio le sue funzioni principali, ad una ad una. Come wireless router da viaggio, il RAVPOWER FileHub può lavorare in due modalità, come router o come bridge. Nel primo caso, quando collegato via cavo a una rete funzionerà come un normale router, offrendo cioè più ingressi per il collegamento simultaneo di diversi dispositivi. In modalità bridge invece si connette a una rete Wi-Fi esistente, ripetendone il segnale in modo da portarlo in altri ambienti non raggiungibili direttamente.

Come hard disk esterno invece, l’unità, oltre a consentirci semplicemente di portare con noi i nostri dati più importanti, può assolvere anche altre funzioni. Consente ad esempio di caricare facilmente sul proprio hard disk o flash drive le foto memorizzate sulla scheda SD, trasferisce foto e altri file tra schede SD, penne USB, hard disk esterni e altri dispositivi, può funzionare da server multimediale portatile, consentendo la connessione contemporanea fino a cinque dispositivi diversi, per condividere senza problemi lo streaming di video, foto e musica su smartphone, tablet, TV, lettori multimediali, Chromecast, Roku e altri dispositivi DLNA collegati, tramite app o Web e infine permette il backup automatico di foto e video più recenti direttamente su scheda SD o su hard disk.

Infine il RAVPOWER FileHub integra anche una power bank da 6700 mAh per consentire di ricaricare lo smartphone o il tablet anche in mobilità. Il tutto in un dispositivo elegante a vedersi e dalle dimensioni compatte (11,3 x 7,7 x ,3 cm, con un peso di circa 200 grammi).

L’articolo RAVPOWER FileHub, router e ripetitore WiFi portatile, hard disk e power bank tutto in uno in offerta su Amazon proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Ecovacs DeeBot 715, aspirapolvere robot con sconto del 41% su Amazon

L’ Ecovacs DeeBot 715 è un’aspirapolvere robot proposto oggi su Amazon con sconto del 41% che ne fa scendere il prezzo da 399,98 euro a 236,98 euro, un risparmio di 163 euro che rende questo dispositivo davvero appetibile. Se infatti trascorrete gran parte della giornata fuori casa, dotarvi di un robot aspirapolvere efficiente è sicuramente la soluzione migliore per tenere i pavimenti di casa sempre puliti senza il minimo sforzo.

Ecovacs DeeBot 715 ha infatti una serie di caratteristiche assai interessanti, che lo rendono perfetto per effettuare le pulizie in nostra assenza o ogni volta che ce n’è bisogno, regalandoci dell’indispensabile tempo libero per le cose che ci piacciono davvero.

Di forma circolare come la maggior parte degli aspirapolvere robot, il DeeBot 715 può contare sulla tecnologia di rilevamento ostacoli e di navigazione Smart Navi 2.0, sviluppata per garantire massima efficienza nel percorso di pulizia e sulla possibilità di raddoppiare all’occorrenza la potenza di aspirazione e attivare la modalità di Pulizia Max. La prima, grazie ad un’esclusiva telecamera combinata con l’uso di un algoritmo grafico SLAM, consente al DeeBot di pulire tutte le stanze di casa seguendo un percorso sistematico per evitare di passare più volte nello stesso posto o viceversa dimenticare altre zone della casa. la modalità Max invece raddoppia la potenza di aspirazione e funziona sia su pavimenti duri che su tappeti.

Inoltre l’Ecovacs DeeBot 715 possiede anche un serbatoio d’acqua da 0,3 litri che gli consente all’occorrenza di passare dall’aspirazione al lavaggio, per una pulizia ideale di pavimenti duri, ma anche in legno e piastrellati. Compatibile con gli assistenti vocali Amazon Alexa e Google Assistant, il DeeBot 715 è programmabile anche tramite app. Quest’ultima infatti consente di pianificare una sessione di pulizia e di produrre un report che mostra la mappa dell’intera abitazione per evitare di ripetere o di perdere aree.

L’articolo Ecovacs DeeBot 715, aspirapolvere robot con sconto del 41% su Amazon proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Translate »