Archivio Tag: Chiesa

Tutti i preti sono positivi al Covid: messe sospese in una parrocchia a Roma

La parrocchia di San Gregorio Magno, in piazza Certaldo a Roma, sospende le messe. I tre sacerdoti che la gestiscono sono risultati tutti positivi al Covid-19 e sono in attesa di fare un nuovo tampone. “Fortunatamente stiamo bene. Tutto è partito da una suora che aveva alcuni sintomi. Dopo aver fatto il test è risultata positiva”, spiega don Stefano, uno dei parroci di San Gregorio Magno. “A quel punto c’è stato lo stesso esito per i due sacerdoti, mentre io ero negativo. Dopodiché, il 30 agosto, anch’io sono risultato positivo al primo tampone. Abbiamo fatto il secondo il 12 settembre e l’esito è stato lo stesso”.

Nel frattempo, le celebrazioni in chiesa sono state sospese, in attesa dell’ultimo tampone. “Il prossimo lo faremo domani, siamo in contatto con l’Asl e sapremo il risultato verso martedì. Speriamo di essere negativi e di poter ricominciare a celebrare le messe”, aggiunge don Stefano. Nei giorni precedenti, a sostituire i sacerdoti in quarantena, erano stati i parroci delle comunità vicine ma, scrive su Facebook la parrocchia di San Gregorio Magno: “Adesso dobbiamo necessariamente sospendere le celebrazioni fino alla completa guarigione. La chiesa rimane comunque aperta per la preghiera dalle 7 alle 12 e dalle 16 alle 19, ma non saranno presenti i sacerdoti. Comunicheremo la ripresa appena ne avremo di nuovo la possibilità. Grazie a tutti”.

L’articolo Tutti i preti sono positivi al Covid: messe sospese in una parrocchia a Roma proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Omofobia, i fatti di Pescara e la legge osteggiata da Chiesa e destre: l’Italia su certi temi resta sempre indietro

Si è aperta la fase 3 e stiamo facendo i conti con la nostra nuova routine: come la state affrontando? Com’è cambiata la vostra professione e quali difficoltà state incontrando? Come giudicate l’organizzazione nelle vostre città? Raccontatecelo, il blog Sostenitore è pronto ad ospitare le vostre riflessioni o denunce. Vi basta compilare il form apposito, la redazione leggerà i vostri post (tutti) e pubblicherà i migliori ogni giorno.

di Monica Valendino

Uno dei tanti, troppi fatti che funestano l’Italia, che disdegna le aggressioni della polizia americana verso chi è di colore ma si gira dall’altra parte quando in casa propria le aggressioni di marca omofoba finiscono al massimo in una pagina di cronaca. A Pescara un atto violento e inaspettato contro un ragazzo “reo” solo di tenere per mano il suo compagno per strada, che gli è costata la frattura della mascella e un intervento chirurgico con l’inserimento di una placca in titanio.

E quando la giunta del capoluogo abruzzese avrebbe dovuto gridare il suo sdegno, ecco che, come spesso succede a destra, per “salvaguardare il buon nome della città” si è girata di fatto dall’altra parte. Il Sindaco, infatti, ha riconosciuto che pestare a sangue quel ragazzo è un atto disdicevole, ma poi ha affermato che sottolineare l’accaduto avrebbe di fatto messo in cattiva luce la sua città. Più facile mettere la sporcizia sotto il tappeto per mostrare solo la facciata patinata e falsa.

Ma l’aggressione porta ancora una volta alla mancanza di una legge che inasprisca le pene per i reati contro etnie, diversità sessuali e opinioni religiose. In Parlamento, grazie a questo governo, c’è una proposta di legge che, guarda guarda, vede l’opposizione della Lega. Un testo che comunque continua il suo iter ed è stato depositato alla commissione Giustizia alla Camera, per un provvedimento che prevede il carcere fino a 4 anni per chi “istiga alla violenza omofobica”.

Ma contro questa legge c’è da settimane anche la Cei che con un documento ha ricordato che i vescovi ritengono che, al riguardo, “un esame obiettivo delle disposizioni a tutela della persona, contenute nell’ordinamento giuridico del nostro Paese, fa concludere che esistono già adeguati presidi con cui prevenire e reprimere ogni comportamento violento o persecutorio”. Anzi, secondo i vescovi, un’eventuale introduzione di ulteriori norme incriminatrici rischierebbe di aprire a derive liberticide.

La stessa Cei che anche sul caso di Pescara ha taciuto, come fatto dal sindaco e da tanti perché, alla fine, il pensiero comune è quasi “se la sono cercata”.

Lo sdegno che c’è negli States per come la polizia tratta spesso le persone afroamericane in Italia diventa un dibattito sterile quando si devono affrontare le discriminazioni, perché da queste parti è meglio parlare di delitti di altro tipo, quelli che si possono condannare senza pensare che il buon nome del Paese venga infangato.

Comunque sia, al di là della legge sacrosanta che molti attendono e che la maggioranza vuole portare a termine, rimarrà sempre ancora una arretratezza culturale spesso figlia anche delle posizioni della Chiesa. Non bastano le aperture di Papa Francesco, non basta vedere il dolore che certe situazioni causano per cambiare un modo di pensare radicato e che la destra incarna e fa suo, a quanto pare, alla perfezione.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

L’articolo Omofobia, i fatti di Pescara e la legge osteggiata da Chiesa e destre: l’Italia su certi temi resta sempre indietro proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Translate »