Archivio Tag: Coronavirus

Decreto Natale, dallo shopping ai bar fino agli spostamenti: cosa si può fare oggi 22 dicembre

L’Italia entra nelle ultime 48 ore prima della zona rossa su tutto il territorio nazionale, che durerà fino a domenica 27 dicembre e limiterà la libertà di movimento anche all’interno del proprio comune. Nelle regioni in zona gialla, oggi, 22 dicembre, saranno aperti tutti i negozi fino alle 21 e bar e ristoranti fino alle 18, da quel momento sarà possibile ordinare solo da asporto o delivery.

Oggi è anche il penultimo giorno in cui è possibile muoversi liberamente su tutto il territorio regionale, sempre tra le 5 e le 22, senza necessità di autocertificazione. Durante il “coprifuoco” sarà invece sempre possibile spostarsi, ma solo per comprovate esigenze lavorative, necessità o salute e girando muniti di autocertificazione.

Gli spostamenti tra Regioni sono invece possibili solo per motivi di necessità, lavoro e ricongiungimenti familiari (è il caso, ad esempio, di un genitore separato con un figlio minorenne). Non sono quindi consentiti spostamenti extraregionali per turismo né per raggiungere le seconde case. Potrà muoversi tra due aree del Paese chi vuole trascorrere con qualche giorno durante le festività con un genitore non autosufficiente, eventualmente anche accompagnato da un figlio minorenne.

Resta invece sempre consentito il rientro presso la propria residenza, domicilio o abitazione. Chi però torna dall’estero deve sottoporsi alla quarantena. Mentre chi è rientrato in Italia negli ultimi 14 giorni da Gran Bretagna e Irlanda del Nord è obbligato – anche se asintomatico – a contattare la Asl e sottoporsi a tampone.

In caso di violazione delle regole sugli spostamenti all’interno del territorio nazionale la sanzione applicabile è quella amministrativa, da 400 a 1.000 euro, eventualmente aumentata fino a un terzo se la violazione avviene mediante l’utilizzo di un veicolo. La sanzione è ridotta a 280 euro se si paga entro 5 giorni. In caso di accertamento di una violazione alle disposizioni che non si ritiene motivata si può fare ricorso al Prefetto.

L’articolo Decreto Natale, dallo shopping ai bar fino agli spostamenti: cosa si può fare oggi 22 dicembre proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Così anche Covid 19 ha “discriminato” le ricercatrici: la produzione scientifica è calata fino all’8% e quella degli uomini è aumentata

Chi pensa che la magia non abbia proprio nulla a che fare con la scienza non ha la più pallida idea a quali giochi di prestigio sono state costrette a ricorrere moltissime scienziate in quest’ultimo anno. Da quando è iniziata la pandemia Covid, per le ricercatrici è stato complicatissimo riuscire a gestire contemporaneamente più fronti: lavoro, figli, casa, genitori malati e così via. Immaginate una donna, ricercatrice che tenta di concentrarsi a fare intricati calcoli al pc, mentre suo figlio di tre anni le gira intorno alla scrivania urlando e giocando a fare l’indiano. Oppure a tutte quelle scienziate che, in vista di una scadenza per la presentazione di un paper, dovevano anche aiutare i propri figli adolescenti con la didattica a distanza. Insomma, un incubo. Perché la bacchetta magica non esiste e il conto che alla fine hanno dovuto pagare molte scienziate è stato piuttosto alto. Basta dare un’occhiata agli studi pubblicati in questi ultimi mesi per rendersi conto che la presenza femminile sulle riviste è stata davvero molto scarsa. Nessuna o poche pubblicazioni possono pesare molto sulla carriera di uno scienziato.

Tra i primi a rendersi conto che l’attività di ricerca di moltissime donne ha subito un ingiusto calo sono state proprio tre donne: Laura Inno, ricercatrice postdoc presso l’Università Parthenope di Napoli e associata Inaf, Alessandra Rotundi, professore ordinario alla stessa università e associata Inaf, e Arianna Piccialli, ricercatrice presso il Royal Belgian Institute for Space Aeronomy di Bruxelles. Le studiose hanno analizzato la produzione scientifica della comunità astronomica italiana durante i primi sei mesi del 2020 alla ricerca di eventuali tracce della divisione diseguale del lavoro domestico tra i due generi, esacerbata nel periodo tra marzo e giugno dalla chiusura delle scuole e dall’assenza di servizi assistenziali compensativi. Il risultato, pubblicato in una lettera alla comunità internazionale sulla rivista Nature Astronomy, è drammaticamente cristallino: a fronte di un leggero calo complessivo dei paper pubblicati come preprint sulla piattaforma Arxiv (il principale repository pubblico di articoli scientifici) rispetto alla media degli ultimi tre anni, risultano significativamente meno le pubblicazioni con una prima autrice donna, mentre quelle guidate da uomini sono addirittura in leggero aumento sulla media degli anni precedenti. “Sicuramente stavamo vivendo una situazione particolare: il nostro lavoro – che si basa su collaborazioni, incontri e congressi – è completamente cambiato in questo periodo, quindi nel nostro piccolo abbiamo sofferto”, racconta Inno.

Le ricercatrici hanno rilevato un calo della produzione scientifica generale dell’8 per cento. “La cosa che ci ha sorpreso è che, mentre gli uomini sembrano non aver risentito del lockdown, con una produzione addirittura aumentata di circa il 10 per cento – spiega Inno – rispetto alla media, le donne hanno pubblicato meno, quindi il decremento totale che noi vediamo è esclusivamente dovuto al decremento nella produzione femminile. La nostra idea è che questo si può spiegare perché, essendo chiuse le scuole ed essendo impossibile ogni tipo di mobilità – non c’era la possibilità di avere baby-sitter o aiuto dai nonni – tutta la cura della casa e dei figli ricadeva sulle ricercatrici donne. Quindi la differenza di produttività è una specie di specchio dello sbilanciamento della distribuzione dei carichi di lavoro familiare tra i generi nel paese, e potrebbe costituire un serio ostacolo nel processo verso la parità di genere”.

Questo gap è evidente anche in altri Paesi. Un report pubblicato lo scorso maggio ha rilevato che le scienziate, in Australia, hanno quasi il doppio di probabilità in più di svolgere lavori precari e hanno quindi maggiori probabilità di perdere il lavoro e le opportunità di carriera. Lo scorso aprile Elizabeth Hannon, vicedirettrice del British Journal for the Philosophy of Science, ha notato che il numero di articoli che riceveva dalle donne era diminuito drasticamente. Non è stato così per gli uomini. “Mai visto niente di simile”, ha commentato su Twitter. “Ho sentito molte storie di donne che hanno abbandonato progetti, che non sono state in grado di portare avanti collaborazioni, e così via. È estremamente preoccupante, soprattutto per la filosofia, che ha già tanto lavoro da fare in termini di parità di genere”, racconta. Il quotidiano britannico The Guardian ha pubblicato una serie di storie emblematiche: scienziate che troppo prese dagli impegni in casa non sono riuscite a portare avanti le loro ricerche.

“La parità di genere non è ancora pienamente compiuta, la discriminazione femminile esiste sotto una forma meno evidente, più sottile e subdola di radice culturale”, commenta Livia Turco, presidente della Fondazione Nilde Iotti. “Negli anni Settanta abbiamo combattuto per le leggi diritti delle donne, con la legge sul divorzio, la legge sulla tutela delle lavoratrici madri, sulla parità del lavoro tra uomo e donna e tante altre conquiste fondamentali ottenute grazie all’impegno di donne in politica come Nilde Iotti che ha speso la sua vita per questo. Ora lo svantaggio femminile – continua – consiste in un soffitto di cristallo in cui il raggiungimento della parità di diritti viene impedito per discriminazioni e barriere di origine socioculturale e ostacoli di natura sociale apparentemente invisibili anche se insormontabili. Parliamo della mancanza di sostegno alla famiglia, di disparità di stipendio oltre che un clima culturale che non sostiene l’avanzamento delle donne e questo accade purtroppo anche tra gli scienziati, nonostante la scienza si basi sui valori di condivisione dei dati e collaborazione, doti in cui le donne eccellono”. Infine, la presidente della Fondazione Nilde Iotti conclude: “Un ringraziamento va alle scienziate che sono state una voce autorevole che ci ha aiutate in questo anno difficile. Hanno dimostrato di avere talento scientifico ed umano. Questi talenti devono essere riconosciuti anche per coinvolgere sempre tante più donne nella ricerca scientifica”.

Foto di archivio

L’articolo Così anche Covid 19 ha “discriminato” le ricercatrici: la produzione scientifica è calata fino all’8% e quella degli uomini è aumentata proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Covid, in Usa la sperimentazione con le cellule staminali: “I pazienti in terapia intensiva che lo hanno ricevuto sono sopravvissuti”

Potrebbero arrivare anche le cellule staminali, insieme a vaccini e anticorpi monoclonali, a rinforzare il fronte contro il Covid. La sperimentazione condotta ha ottenuto “risultati sorprendenti, nessuno studio finora ha ottenuto risultati di efficacia vicini al 100% come il nostro” sostiene Camillo Ricordi – direttore del Diabetes Research Institute di Miami, il più importante centro medico per la cura del diabete degli States – che illustra il suo lavoro. “Per la valutazione integrale del lavoro mancavano alcuni dati (meccanicisti), che abbiamo inviato, e da alcuni giorni sono stati confermati e approvati per la pubblicazione (peer review) in una delle riviste più autorevoli al mondo: Stem Cell Translational Medicine. Questi ultimi dati avallano “le nostre teorie su come queste cellule staminali possano fermare la progressione della reazione infiammatoria immune aberrante”. Con li suo team, il professor Ricordi, ha trattato una coorte di 24 pazienti Covid 19 in stato severo, in terapia intensiva.

La vostra sperimentazione su cellule staminali (mesenchimali del cordone ombelicale) che risultati ha dato?
I risultati sono stati sorprendenti perché in questo trial randomizzato in doppio cieco, (dove né i medici né i pazienti sanno se ricevono una soluzione di trattamento con staminali o un placebo), la sperimentazione ha dimostrato che i pazienti che hanno ricevuto le cellule staminali sono sopravvissuti tutti: abbiamo registrato un successo sul 100% dei pazienti sotto gli 85 anni. Il trattamento è molto semplice, consiste in due infusioni in vena a distanza di 72 ore una dall’altra. Sono infusioni in vena che portano queste cellule direttamente ai polmoni dove possono esercitare la loro azione antinfiammatoria e immuno-regolatrice contro la tempesta infiammatoria delle citochine.

Quali sono stati i tempi di recupero dei pazienti?
Il miglioramento si vede dopo 6 giorni dalla prima infusione. La differenza con il gruppo di controllo è notevole, più del 50% dei pazienti sono deceduti. Nel gruppo trattato con staminali la guarigione è avvenuta entro due settimane, mentre nel gruppo di “controllo” (placebo) la maggioranza dei pazienti sopravvissuti non erano ancora guariti a un mese dall’inizio del trial.

Esiste un modo per avere accesso alle staminali in tempi celeri, per uso d’emergenza (compassionevole o per sperimentazioni)?
Aifa potrebbe chiedere, anche a noi, delle dosi da utilizzare per i pazienti gravi. Noi abbiamo chiuso la fase in cui dimostriamo la “sicurezza”, non ci sono stati effetti avversi, inoltre sull’efficacia i numeri parlano da soli abbiamo avuto praticamente il 100% di efficacia, parliamo di effetti concreti non effetti marginali come per altri farmaci come il desametasone, dove si è dovuta ampliare la corte a centinaia di pazienti per vedere un risultato marginale.

Il vostro trial è stato efficace su una coorte di pazienti in fase avanzata, ma quale sarebbe il momento ideale per la somministrazione?
I nostri erano pazienti con Covid 19 severi, in fase avanzata. Il momento ideale per la somministrazione è quello che precede l’acuirsi della malattia, prima che i pazienti si aggravino in terapia intensiva. La nostra era una terapia sperimentale quindi c’è stato chiesto di testarla su pazienti critici, dove era stato provato di tutto ed erano fallite le altre terapie.

Questo trattamento è fattibile in tutte le strutture ospedaliere?
Questo è un trattamento fattibile in tutte le strutture ospedaliere. Noi, abbiamo distribuito dosi di cellule staminali, per uso compassionevole, in altri ospedali. Spedivamo dosi pronte per essere infuse.

Ci sono strutture in Italia che potrebbero produrre cellule staminali in autonomia? Che tempi ci vogliono per produrre dosi da un singolo cordone?
Strutture come il Bambino Gesù potrebbero avere i mezzi anche per produrre staminali in proprio. Per i tempi, in 3 settimane si possono produrre in bio-reattori anche 1.000 dosi, se poi hai 3 bio-reattori, i numeri aumentano.

È un trattamento costoso?
Il trattamento non è assolutamente costoso, noi lo stiamo facendo come attività no profit, disturbiamo le dosi a titolo gratuito nei centri Usa, ma abbiamo distribuito il protocollo anche in altri centri di tutto il mondo. Il protocollo è disponibile Open Access per tutti quelli che lo vogliono riprodurre, e offriamo assistenza per insegnare e spiegare come effettuare queste infusioni. È molto semplice e poco costoso perché da un cordone ombelicale di un bambino nato sano si possono moltiplicare le cellule grazie a sistemi di coltura che permettono di generare dosi sufficienti a trattare più di diecimila pazienti, da un singolo cordone ombelicale. Poi, ci sono anche dei centri privati in cui sta sperimentando e questi potrebbero commercializzare a costi alti, anche 15mila euro a dose.

Contate di ampliare la corte di pazienti coinvolti, nel prossimo trial?
Sì, stiamo espandendo il trial a 120 persone.

Anche in Italia, alcuni centri hanno chiesto la possibilità di usare questo protocollo, probabilmente da gennaio partirà la sperimentazione?
Negli Usa ci sono voluti otto giorni per l’autorizzazione del trial. In Italia, Massimo Dominici docente dell’Università di Modena e Reggio Emilia ha sottoposto il protocollo ad Aifa il 28 maggio, è stato approvato il 20 ottobre, ma manca ultima passaggio conclusivo al Comitato Etico dello Spallanzani dopo il quale potranno partire già i protocolli su 400 persone. In questi casi dovrebbero attivarsi con una procedura d’urgenza “emergency approval”.

Nel mondo ci sono sperimentazioni, in altri centri di ricerca, che hanno raccolto il vostro lavoro e strutturato trial? Che risultati hanno ottenuto?
Nel mondo ci sono diversi centri che hanno adottato strategie simili a noi, come in Cina, Israele e Australia. Il nostro è l’unico trial accademico non a scopo di profitto, mentre tutti gli altri di cui sono a conoscenza sono commerciali, sostenuti da case farmaceutiche o bio-technology company che stanno portando avanti strategie che probabilmente costeranno molto di più (15mila euro a dose appunto), ci sono grossi interessi di ritorno dall’uso di queste cellule.

Vuole aggiungere altro?
Aggiungerei la cosa su cui ci stiamo concentrando ora, che è ugualmente importante, è come se da una parte trattiamo i casi più gravi con queste cellule staminali dall’altra ci stiamo impegnando in un nuovo progetto, in collaborazione con centri italiani, da Tor Vergata, La Sapienza, San Raffaele di Roma e Iss per studiare combinazioni di fattori protettivi naturali. Ci sono stati screening di big-data su più di 687 milioni di sostanze che possono interferire con Covid 19 e stanno emergendo dei dati molto interessanti, non solo su vitamina D, Omega 3, ma anche su polifenoli attivatori delle sirtuine come la polidatina, sostanze che magari tradizionalmente erano state proposte per prevenire malattie croniche degenerative legate all’età o malattie autoimmuni, ma che ora si stanno dimostrando potenzialmente efficaci anche contro il Covid19, potendo attenuare l’evoluzione severa della malattia.

L’articolo Covid, in Usa la sperimentazione con le cellule staminali: “I pazienti in terapia intensiva che lo hanno ricevuto sono sopravvissuti” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Coronavirus, i dati: 12.030 nuovi casi a fronte di 103.584 tamponi. 491 morti: oltre 65mila in totale. Il rapporto positivi-test resta stabile

Sono 12.030 i nuovi casi di coronavirus accertati oggi in Italia, frutto di 103.584 tamponi processati. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati anche altri 491 morti: sono più di 65mila dall’inizio della pandemia. Ieri, domenica 13 dicembre, i casi rintracciati erano 17.938 a fronte di 152mila test processati, con un tasso di positività all’11,74%. Oggi il rapporto tra positivi e tamponi resta stabile e si assesta all’11,6%. Rispetto a lunedì scorso ci sono 1690 contagi accertati in meno (erano 13.720 con 111.217 test effettuati): una settimana fa il tasso di positività era al 12,3%.

In terapia intensiva oggi sono ricoverati 3.095 pazienti (-63).

Articolo in aggiornamento

L’articolo Coronavirus, i dati: 12.030 nuovi casi a fronte di 103.584 tamponi. 491 morti: oltre 65mila in totale. Il rapporto positivi-test resta stabile proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Storie Italiane, Valerio Scanu scoppia in lacrime: “Mio papà è entrato in ospedale con le sue gambe, poi il Covid…”

“È andato in ospedale con le sue gambe, dopo il tampone positivo. Aveva il casco per respirare. Avevamo notizia tramite mia madre”. Questo è il drammatico racconto che Valerio Scanu ha fatto tra le lacrime a Eleonora Daniele, in diretta nell’ultima puntata di Storie Italiane su Rai 1. Il cantante ha raccontato quanto successo al padre, risultato positivo al Covid e ora ricoverato in terapia intensiva.

“Appena dopo i primi sintomi, una prima febbriciattola, mia madre lo ha isolato in una casetta sotto la nostra. Non respirava bene e aveva già l’ossigeno nel giorno del tampone. Lo hanno trasferito in ospedale”, ha spiegato. “Sono 11 giorni che è intubato. Molte notizie erano frammentarie: loro sono in Sardegna, io a Roma. Adesso abbiamo tutte le informazioni, ma le sue situazioni migliorano e peggiorano da un momento all’altro. Una dottoressa mi ha raccontato che prima di portarlo in terapia intensiva parlava, parlava. Lui è molto altruista. Ha 64 anni”, ha concluso tra le lacrime.

L’articolo Storie Italiane, Valerio Scanu scoppia in lacrime: “Mio papà è entrato in ospedale con le sue gambe, poi il Covid…” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Coronavirus, 12.756 nuovi casi con 118.475 tamponi. I morti sono 499, giù i ricoverati

Sono 12.756 i nuovi casi di coronavirus accertati in Italia nelle ultime 24 ore a fronte di 118.475 tamponi processati, il tasso di positività dunque si assesta al 10,76%. Sale ancora in maniera importante il numero dei decessi: 499 malati di Covid-19 sono deceduti. Si allenta, invece, la pressione sugli ospedali: i ricoverati con sintomi diminuiscono di 428 unità e sono 25 i posti che si sono liberati in terapia intensiva, a fronte di 150 ingressi (Campania e Provincia autonoma di Bolzano non hanno comunicato il dato). La giornata di oggi fa registrare il record di dimessi-guariti: 39.266 il numero comunicato dalle Regioni.

Come sempre negli ultimi giorni è il Veneto l’area del Paese con il maggior incremento: 2.427 nuovi contagi. La Campania ne segnala 1.361, il Lazio 1.297 e la Lombardia 1.233. Le altre regioni sono tutte sotto i mille casi (Puglia 917, Piemonte 906) e tre (Basilicata, Valle d’Aosta e Molise) non raggiungono i 50 nuovi positivi. Da inizio pandemia sono 1.770.149 i casi accertati in tutta Italia: 997.895 sono i dimessi-guariti, 61.739 persone che hanno contratto il virus sono decedute e 710.515 sono attualmente positivi. Di questi, in 677.542 si trovano in isolamento domiciliare, mentre 29.653 sono ricoverati con sintomi in reparti Covid e 3.320 sono assistiti in terapia intensiva.

Articolo in aggiornamento

L’articolo Coronavirus, 12.756 nuovi casi con 118.475 tamponi. I morti sono 499, giù i ricoverati proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

“500 pacchi in una sola ora”. L’iniziativa solidale delle Scatole di Natale fa il pieno: “Il Covid ha aiutato a sensibilizzare”

Sono migliaia le adesioni arrivate all’iniziativa solidale Scatole di Natale, lanciata da Marion Pizzato, che in pochi giorni attraverso i social è riuscita a organizzare una rete diffusa in tutta la città di Milano. Una risposta che va oltre le aspettative dei volontari. E in effetti, nella parrocchia di Santa Maria Nascente, le auto cariche di scatole colorate arrivano senza sosta. Ciascuna viene catalogata e smistata. “Nessuno si aspettava un successo del genere”, racconta Luana Garbuglia, una delle organizzatrice dell’iniziativa, “in una sola ora abbiamo raggiunto i 500 pacchi che, una volta raccolti, verranno offerti ai bisognosi. Ci sentiamo davvero di dire grazie alle tante persone che stanno contribuendo all’iniziativa“. Merito sicuramente del tam tam sui social che ha permesso una diffusione del massaggio solidale “ma forse”, conclude Luana, “il Covid questa volta ha aiutato a sensibilizzare le persone”. La raccolta proseguirà fino al week end del 12-13 dicembre

L’articolo “500 pacchi in una sola ora”. L’iniziativa solidale delle Scatole di Natale fa il pieno: “Il Covid ha aiutato a sensibilizzare” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Roma, folla in centro nel week end: scattano le chiusure temporanee contro gli assembramenti. “Sembra di essere tornati ai vecchi tempi”

Con il Natale che si avvicina le strade del centro di Roma tornano ad affollarsi. Chiusi i centri commerciali per il ponte dell’Immacolata, i romani hanno scelto di fare i propri acquisti nel tridente. Piene via Condotti e via del Babbuino. In via del Corso l’eccessivo numero di presenze ha fatto scattare più volte le chiusure temporanee. Presenti sul posto per vigilare sul rispetto delle regole anti-Covid volontari della Protezione Civile, Carabinieri e Polizia locale. “In campo abbiamo circa ottanta uomini. Il personale è dislocato nel tridente, a Prati e in tutte le zone interessate dallo shopping. Anche ad Ostia abbiamo una ventina di persone” spiega Paolo Bernardi, dirigente della Polizia di Roma Capitale. Di fronte ad alcuni store dei marchi più in voga gli ingressi sono stati contingentati così da formare la fila sui marciapiedi. “Lo struscio è notevole, sembra essere tornati ai vecchi tempi. Purtroppo non c’è un riscontro economico a così tanta gente” commenta David Sermoneta, presidente di Confcommercio Centro Storico. “Gli acquisti sono improntati alla prudenza perché non c’è più la spensieratezza. In questo momento, di fronte al fatto di non aver un orizzonte temporale ben preciso di quando terminerà la crisi, la gente gli acquisti li fa con molta più oculatezza”

L’articolo Roma, folla in centro nel week end: scattano le chiusure temporanee contro gli assembramenti. “Sembra di essere tornati ai vecchi tempi” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

La protesta dei lavoratori (precari) che assistono i disabili a scuola: “Durante la pandemia la coop non ci paga la malattia”

Lavorano per mille euro al mese a fronte di oltre trenta ore settimanali, quando la scuola è chiusa per le vacanze non percepiscono un centesimo di euro e non sempre hanno dispositivi di protezione individuale in grado di proteggerli. Ora, alcuni di loro denunciano che la cooperativa per cui lavorano non ha pagato le giornate di assenza per malattia o permesso. Sono gli Aec, un acronimo che nasconde la dicitura assistente educativo culturale. In Italia sono circa 55mila e solo a Roma 3mila. Chi non ha un figlio disabile o non è un insegnante difficilmente li conosce, ma sono loro ad occuparsi dei ragazzi con difficoltà quando si devono accompagnare in bagno, quando devono essere imboccati o quando vanno gestiti nelle ore fuori dalla classe. È un lavoro indispensabile nel settore dell’istruzione: accanto all’insegnante di sostegno (quando arriva) c’è sempre un assistente educativo culturale. Nessuno di loro è dipendente del ministero dell’Istruzione e nemmeno dei Comuni, ma appunto di cooperative che gestiscono esternamente il servizio. Dal 1999 funziona così.

A Roma le coop che hanno in mano questo appalto sono trenta. Tra queste c’è la “Roma81” dove lavora Germano Monti, portavoce del Comitato Romano Aec. E’ lui a denunciare il fatto che la sua coop non ha pagato i giorni di malattia: “Con il coronavirus la situazione è pure peggiorata: se la classe è a casa in didattica a distanza, l’Aec non è retribuito. E con il Covid i molti che sono stati costretti a entrare in quarantena o in isolamento fiduciario non hanno avuto un soldo”. Monti conosce da vicino la questione: “Io sono a casa da mesi perché non sono idoneo alla mansione per i problemi di salute che ho e non ho percepito nulla. Come me sono in tanti in questa assurda situazione”.

Intanto, nei giorni scorsi, i dipendenti della “Roma 81” si sono visti recapitare una mail da parte della presidenza della Cooperativa in cui veniva comunicato che, “a seguito della recrudescenza del contagio che ha prodotto un numero ingente di ore contrattualizzate ma non prestate, l’azienda si vede costretta ad attivare i relativi ammortizzatori sociali (Fis) per farvi fronte. Quindi, a partire dal mese di ottobre 2020, tutte le ore lavorate saranno regolarmente retribuite. Diversamente, le ore non lavorate saranno coperte dalla Fis”.

A intervenire su questo problema è anche il consigliere comunale Stefano Fassina che nei giorni scorsi ha presentato un’interrogazione urgente alla sindaca Virginia Raggi e agli assessori competenti: “A fronte della comunicazione della coop – scrive Fassina – i dipendenti non si sono visti retribuire le giornate di assenza per malattia o permessi che verranno, a detta della cooperativa, retribuite dalla Fis. Tale situazione evidenzia un abuso di potere visto da parte del datore di lavoro, in quanto le ore non lavorate erano evidentemente da intendersi quelle conseguenti alla riduzione dell’orario di apertura delle scuole e non quelle relative a permessi e/o malattie”. Una battaglia che il Comitato sta portando avanti anche su un altro fronte: 12mila cittadini hanno firmato un’iniziativa popolare per far approvare una delibera comunale che internalizzasse il servizio almeno a Roma. La delibera è stata però bocciata.

L’articolo La protesta dei lavoratori (precari) che assistono i disabili a scuola: “Durante la pandemia la coop non ci paga la malattia” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Sindrome post-Covid, un portale online per raccogliere le storie di chi è negativo ma non è mai guarito del tutto

Stanchezza che non passa. Fatica a fare le scale. Fiato corto. Perdita di memoria. Vertigini. Dolori alle gambe. E ancora: Insonnia, mal di testa, capelli che cadono e unghie distrutte. Ma anche diarrea, ipersudorazion, gusto e olfatto alterati dopo mesi. Sono alcuni dei sintomi che lamentano i pazienti ex Covid, tornati negativi al tampone ma mai guariti del tutto. Uomini e donne di ogni età. C’è chi per la mancanza assoluta di forze oggi rischia addirittura di perdere il lavoro. Sul portale Sindromepostcovid19.it Enrico Ferdinandi, 32 anni, redattore del programma televisivo Elisir e reduce dal Covid, ha deciso di raccogliere le testimonianze di chi come lui dopo la fase acuta dell’infezione non è ancora riuscito a tornare a una vita normale. “Il sito vuole dare un contributo alla ricerca scientifica sulla cosiddetta ‘sindrome post Covid’” spiega Enrico. Una nuova malattia, di cui si sa ancora poco, che nei pazienti più gravi provoca danni d’organo (a livello di polmoni, cuore, occhi, fegato), ma per fortuna nella maggior parte dei casi scatena sintomi di stanchezza persistente e affanno soprattutto, secondo quanto rilevato dallo studio di un gruppo di geriatri del Policlinico Gemelli di Roma, uscito a luglio su Jama. Chi intende partecipare al database raccontando la propria esperienza, quindi, per garantire la veridicità del contenuto, deve fornire il codice fiscale e compilare due form in cui vengono chieste informazioni specifiche sulla storia clinica. Per stabilire il primo contatto va inviata una mail a [email protected]

“In 600 hanno risposto al sondaggio, soprattutto da Lombardia e Piemonte – continua Enrico -, e abbiamo raccolto i risultati relativi ai primi cento intervistati. Quando avremo analizzato almeno 500 risposte richiameremo i partecipanti per monitorare l’evoluzione della sindrome”. Nel primo questionario si chiede di indicare i disturbi ancora presenti dopo la negativizzazione del tampone. Nel secondo, di descrivere la fase della positività al virus, su come si siano presentati i sintomi una volta tornati negativi e di come questi abbiano impattato sulla qualità della vita. Dall’indagine è emerso che sono soprattutto le donne (l’84 per cento) a soffrire della sindrome post Covid e che la metà dei soggetti ha tra i 40 e 60 anni. Inoltre, gli intervistati che hanno contratto il virus tra ottobre e novembre hanno avuto sintomi simili a quelli che lo hanno preso tra febbraio e aprile. Il 90 per cento dichiara di continuare ad avere sintomi anche dopo essere guarito dall’infezione e in oltre la metà i sintomi si acutizzano ogni tre-quattro giorni con una compromissione significativa della vita quotidiana per quasi il 70 per cento di loro (su una scala da 1 a 10: 8-10). Fra gli effetti collaterali più diffusi si segnala la stanchezza (94 per cento), l’affaticamento (83 per cento), la mancanza di concentrazione (70 per cento), il fiato corto (70), dolori alle articolazioni (68), disturbi del sonno (63) e tachicardia (59). E poi chi accusa disfunzioni alla tiroide manifesta anche: mancanza o assenza del gusto (61 per cento) e dell’olfatto (55), perdita di capelli (55), alterazione del ciclo mestruale (24), dimagrimento (39), sudorazione eccessiva (36). Febbre e tosse invece sono state le due manifestazioni più frequenti durante la positività.

Al portale Sindromepostcovid19.it contribuisce anche il gruppo Facebook “Noi che il Covid lo abbiamo sconfitto”, quasi 11mila iscritti, ideato da Morena Colombi, 59 anni, milanese, che a distanza di nove mesi dal tampone negativo non sta ancora bene. “Ho tosse, astenia, affanno, dolori muscolari e la tiroide che funziona male – racconta -. Da marzo torno al lavoro a singhiozzo, ho già superato i duecento giorni di malattia, rischio di perdere il posto. C’è chi a causa delle conseguenze del Covid il lavoro lo ha già perso”. Nel gruppo le voci degli ex pazienti si rincorrono, cercando risposte a dubbi o semplicemente sostegno psicologico per non sentirsi soli a combattere gli effetti collaterali di questo brutto mostro. “Quando i sintomi non mi passavano più – spiega Morena – ho deciso di creare questa pagina per sapere se altri si trovassero nella mia stessa condizione. In un attimo ho scoperto di non essere l’unica. Ci devono studiare, devono capire cosa stiamo vivendo”. Il sito web di Enrico e il gruppo guidato da Morena hanno deciso di collaborare insieme e di mettersi a disposizione della scienza nella lotta contro il Covid.

L’articolo Sindrome post-Covid, un portale online per raccogliere le storie di chi è negativo ma non è mai guarito del tutto proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Translate »