In migliaia stamattina hanno invaso le strade di Vibo Valentia per il corteo organizzato da Libera per esprimere “vicinanza e gratitudine” ai carabinieri per l’operazione “Rinascita-Scott” contro la cosca Mancuso. Un corteo che si è concluso davanti al comando provinciale di Vibo, quartier generale dell’inchiesta coordinata dal procuratore di Catanzaro, Nicola Gratteri, e dai magistrati della Dda. Un lungo applauso, che è stato più toccante di mille parole, e un “grazie” ai carabinieri urlato non solo dai rappresentati di Libera e da alcuni sindaci del comprensorio vibonese ma soprattutto dai cittadini.

Un segnale importante all’indomani dei 334 arresti di mafiosi, politici e professionisti che tenevano sotto scacco Vibo e provincia. Un messaggio di speranza in un territorio dove i Mancuso controllano anche l’aria che respirano i cittadini. Qualcuno, all’indomani della maxi-operazione aveva fatto arrivare al comando dei carabinieri una stella di Natale con un bigliettino in cui c’era scritto: “La Calabria degli onesti vi sarà sempre grata”. Oggi in tantissimi ci hanno messo la faccia in un abbraccio ideale con i militati dell’Arma e tutti gli uomini che hanno contribuito a ripulire un pezzo importante della Calabria.

L’articolo Vibo Valentia, la marcia di Libera dopo la maxi-operazione contro la ‘ndrangheta: due minuti di applausi per i carabinieri proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi