Prime Pagine

43 anni in carcere da innocente, il Missouri libera la 64enne Sandra Hemme. “Errore record” per gli Usa, ma il procuratore s’infuria

By F. Q.

Una donna americana di 64 anni, che nello Stato del Missouri scontava una condanna all’ergastolo per omicidio, è stata liberata dopo 43 anni dietro alle sbarre dopo che un giudice ha riconosciuto che è stata vittima di un “palese errore giudiziario”. Ma il caso di Sandra Hemme (nella foto da giovane) ha provocato un conflitto fra il giudice e il procuratore generale dello Stato, che si oppone con ogni mezzo al suo rilascio. Nel frattempo, scrive l’Associated press, Hemme ha lasciato il penitenziario di Chillicothe e ha abbracciato la sua famiglia in un parco e, per la prima volta, la segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Papa Francesco: “La guerra è una sconfitta, per le Olimpiadi ci sia una tregua in tutte le guerre”

By F. Q.

Papa Francesco in occasione della preghiera dell’angelus domenicale ha invocato una tregua olimpica per tutti i conflitti del mondo, soprattutto in vista dei Giochi di Parigi dove, auspica, “gli atleti siano messaggeri di pace” e segno di una società inclusiva. Il pontefice ha poi pregato per “la martoriata Ucraina, per la Palestina, Israele, Myanmar e i paesi in conflitto”.

L’articolo Papa Francesco: “La guerra è una sconfitta, per le Olimpiadi ci sia una tregua in tutte le guerre” proviene da Il Fatto Quotidiano.

segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Neonato di tre mesi picchiato dal padre 26enne: ricoverato d’urgenza con lesioni al cranio all’ospedale Gaslini

By F. Q.

Un neonato di tre mesi è stato ricoverato d’urgenza con lesioni al cranio all’ospedale Gaslini di Genova per le botte ricevute dal padre durante una lite con la madre in una piazza a Borzonasca, nel Levante di Genova. La donna è rimasta ferita nel tentativo di difendere il piccolo. Stavano passeggiando quando il padre 26enne ha iniziato a colpire il piccolo e la madre che lo teneva in braccio. Alcune persone e i carabinieri hanno prestato le prime cure. Poi è stato disposto il trasferimento del bambino al Gaslini. In ospedale anche la madre per ferite al volto e agli segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

“Brad Pitt è devastato: la figlia Shiloh ha ufficialmente rimosso il cognome paterno dai suoi documenti, covava da anni questo gesto”

By F. Q.

Ora è ufficiale. Dopo Vivienne e i suoi fratelli maggiori, anche Shiloh ha ufficialmente abbandonato il cognome di suo padre. Non sarà più Shiloh Jolie-Pitt, bensì Shiloh Jolie. A riportarlo è il Los Angeles Time, che spiega come, dopo sei mesi di attesa, la legge californiana ha formalmente accettato la richiesta della ragazza, adesso maggiorenne, rimuovendo il cognome Pitt dal nome di Shiloh.

Una richiesta che si accoda a quelle dei suoi fratelli maggiori, Maddox (22 anni), Pax (20 anni), Zahara (19 anni) e la sorella minore, Vivienne (15 anni): tutti hanno rinunciato al cognome paterno, tagliando i rapporti segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Lonato: accoltellano “a caso” cinque persone fuori da una discoteca. Feriti tre cittadini senegalesi e due di etnia sinti

By F. Q.

Intorno alle 4 della notte scorsa cinque ragazzi, tre senegalesi e due sinti, sono stati accoltellati durante una lite fuori dalla discoteca Biblò di Lonato (Brescia). Sono in corso le indagini dei carabinieri di Desenzano del Garda per individuare i responsabili. Nessuno dei 5 accoltellati è in pericolo di vita. La causa dell’aggressione rimane sconosciuta.

Secondo quanto riportato dal dorso bresciano del Corriere della Sera, dal locale sarebbero stati allontanati alcuni nordafricani che si sarebbero poi fermati fuori dalle porte della discoteca. Armati di coltelli, avrebbero colpito “a caso” almeno 5 persone. Due sinti – che avevano provato ad allontanarsi a segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Aerei ed emissioni di particelle ultrafini: a rischio la salute di 52 milioni di europei. Lo studio di Transport & Environment

By Giuliana Lomazzi

da transportenvironment.org

Le particelle ultrafini emesse dagli aerei sono un problema finora sottostimato, portato ora alla luce da un nuovo studio commissionato dal gruppo ambientalista Transport & Environment – come si definiscono loro stessi, “cittadini europei che si battono per la decarbonizzazione dei trasporti e dei consumi energetici”. Pubblicato a maggio ed eseguito da CE Delft – organizzazione indipendente di ricerca ambientale – il corposo studio Health Impacts of Aviation UFP Emissions in Europe” (Impatti sulla salute delle emissioni di particelle ultrafini dell’aviazione) racconta in quasi sessanta pagine una tragica realtà: i motori dei jet sono i peggiori in assoluto sotto segue…

Source: Il Fatto Quotidiano

Translate »