Prime Pagine

Caso Prati, Netflix annuncia serie tv su Mark Caltagirone, Barbara D’Urso: “Finale choc, non deluderà nessuno”

Il “caso” del matrimonio tra Pamela Prati e il fantomatico Mark Caltagirone ha tenuto banco per mesi in tv e sui giornali, fino a ieri quando c’è stato l’epilogo di tutta questa intricata vicenda con la conferma del fatto che era tutta una finta e Mark Caltagirone non è mai esistito. Una storia degna di “Beautiful“, che ha appassionato moltissime persone, tanto che alcuni hanno chiesto a Netflix di farne una serie tv. Detto fatto, sono stati subito accontentati dalla piattaforma di streaming online, che ha annunciato sui suoi social l’arrivo di una nuova serie proprio su questa vicenda.

Così, sul profilo ufficiale Twitter di Netflix si vede prima il tweet che fa sapere di una finta chiamata all’agente di Rami Malek (il protagonista di “Bohemian Rhapsody“), e subito dopo è apparsa anche la locandina di “Mark“, anche questa finta quanto il fidanzato della Prati: “La serie di cui abbiamo bisogno. Mark è disponibile ora (?)“, scrive la piattaforma mostrando una finta schermata di introduzione alla nuova serie, con tanto di immagine promo e trama.

Ma da Netflix hanno rilasciato anche la sinossi, che ricorda quella della serie tv Dark: “Nel 2019 un uomo senza volto innesca una serie di reazioni a catena tra intrecci familiari, misteri e matrimoni naufragati”. “Una serie dal finale CHOC, che probabilmente non deluderà nessuno”, ha aggiunto Barbara D’Urso che ha condiviso sul suo profilo Twitter la trovata di Netflix.

L’articolo Caso Prati, Netflix annuncia serie tv su Mark Caltagirone, Barbara D’Urso: “Finale choc, non deluderà nessuno” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Julian Assange, altri 17 capi di accusa contro il fondatore di WikiLeaks. Rischia fino a 170 anni di carcere

Julian Assange è stato incriminato negli Stati Uniti. Nei confronti del fondatore di Wikileaks sono stati presentati 17 capi d’accusa sulla base dell’Espionage Act per avere cospirato per ottenere e pubblicato informazioni classificate: se ritenuto colpevole rischia 10 anni per ogni capo d’accusa mosso nei suoi confronti. Secondo quanto scrive il New York Times, è la prima volta nella storia degli Stati Uniti che l’Espionage Act viene applicato a un reporter.

Le accuse
Il Dipartimento di Giustizia ha affermato che “le azioni di Assange hanno messo seriamente a rischio la sicurezza nazionale degli Stati Uniti e portato benefici ai nostri avversari”. “Assange, Wikileaks e Manning hanno condiviso l’obiettivo comune di sovvertire le restrizioni di legge sulle informazioni riservate”, si legge nei documenti d’accusa depositati. La decisione di Assange di pubblicare i nomi di cittadini afgani e iracheni, giornalisti e leader religiosi che fornivano informazioni alle forze americane ha esposto queste persone “a gravi e imminenti rischi”, aggiunge il Dipartimento di Giustizia. Secondo i documenti diffusi oggi inoltre, “Chelsea Manning ha risposto alla sollecitazione di Assange e ha rubato documenti agli Stati Uniti”. Come scrive il Guardian, secondo l’accusa Assange “sapeva, aveva capito e aveva pienamente previsto” che Chelsea Manning gli stava illegalmente fornendo documenti riservati “contenenti informazioni sulla Difesa nazionale degli Stati Uniti”. Il fondatore di WikiLeaks – continua il Dipartimento di Giustizia – “ha reso noti i nomi di fonti e creato un grave e imminente rischio per vite umane” pur “sapendo che la diffusione dei nomi delle singole fonti avrebbe messo in pericolo quegli individui”.

La situazione giudiziaria del fondatore di WikiLeaks
I 17 nuovi capi d’accusa potrebbero aprire il dibattito sul Primo Emendamento, quello che garantisce la libertà di stampa e di parola. Come racconta Repubblica, l’Espionage Act non consente alcuna difesa ai giornalisti e ai giornali non riconoscendo alcun pubblico interesse alla divulgazione della notizia. Il New York Times ha inoltre fatto notare che è la prima volta nella storia degli Stati Uniti che viene applicato a un reporter. Assange sta scontando a Londra 50 settimane di detenzione con l’accusa di aver violato i termini di custodia nel 2012: è stato riconosciuto colpevole di non essersi presentato allora dal giudice ed essersi invece rifugiato nell’ambasciata dell’Ecuador.

Negli Stati Uniti un grand jury ha già incriminato Assange per l’interazione avvenuta nel 2010 con Chelsea Manning, l’ex analista dell’esercito che ha condiviso con WikiLeaks migliaia di documenti classificati. Il procedimento prevede una pena massima di 5 anni di carcere. Le nuove accuse, però, cambierebbero totalmente il quadro in caso di estradizione di Assange negli Stati Uniti.

L’articolo Julian Assange, altri 17 capi di accusa contro il fondatore di WikiLeaks. Rischia fino a 170 anni di carcere proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Cane viene soppresso per essere sepolto insieme alla padrona: “Così era scritto nel testamento”

Era perfettamente in salute e probabilmente avrebbe vissuto ancora a lungo ma, per rispettare le ultime volontà della sua padrona, è stata portata in una clinica veterinaria, soppressa e poi cremata e seppellita insieme alla donna defunta. È quanto accaduto a Emma, una cagnolina shih tzu di Chesterfield, nello stato americano della Virginia, come scrive il quotidiano Independent: la sua padrona aveva infatti lasciato scritto nel testamento che, dopo la sua morte, anche la sua compagna a quattro zampe avrebbe dovuto essere soppressa per trovare posto accanto a lei nella sua stessa tomba. E così è stato nonostante, secondo quanto scrive il quotidiano britannico, il personale della clinica veterinaria in cui Emma è stata per due settimane prima di essere soppressa avesse supplicato le autorità di intervenire ed evitare la sua morte.

“Abbiamo suggerito che si potevano trovare tante altre soluzioni per l’animale a cominciare dall’adozione perché è un cane per cui si riesce facilmente a trovare una nuova casa e un nuova famiglia ma non ci hanno ascoltati” ha raccontato ai media locali Carrie Jones, la direttrice del Chesterfield Animal Services dove l’animale è stato ospitato per alcune settimane nel marzo scorso.  Ma è stato tutto inutile: secondo la legge della Virginia infatti, il cane è una proprietà personale ed è quindi legale l’eutanasia di un animale domestico, anche se sano, se a volerlo è il suo padrone. Tutto questo ha scatenato ovviamente la rabbia degli animalisti  che sul web hanno sollevato la polemica. ”

Tuttavia, il presidente della Virginia Funeral Directors Associatino Larry Spiaggi, ha riscontrato un altro profilo di illegalità in questa vicenda: il fatto che la legge non consente di seppellire i resti di un animale domestico insieme ad una persona, incluso mettere le ceneri in una bara. Ormai però, era già stato tutto fatto.

 

L’articolo Cane viene soppresso per essere sepolto insieme alla padrona: “Così era scritto nel testamento” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Cineca, sciopero solidale degli informatici contro 34 “esuberi” al Policlinico di Roma. A rischio concorsi e servizio di segreteria

Servizi di segreteria a singhiozzo, concorsi a rischio. Oggi i dipendenti del consorzio Cineca che gestisce l’informatica per l’università scioperano in solidarietà a 34 colleghi impiegati presso il Policlinico Umberto I di Roma trasferiti d’ufficio presso la sede di Bologna, a quattrocento chilometri di distanza. Il Cineca li ha trasferiti perché l’ospedale ha deciso di non affidare più direttamente i propri servizi al consorzio ma di rivolgersi alla Consip, come prevede la legge sugli acquisti nella pubblica amministrazione. Nel 2017 la centrale acquisti aveva aggiudicato una procedura pubblica per i sistemi gestionali integrati che prevede le stesse attività erogate dal consorzio, ma a costi a decisamente più competitivi rispetto ai due milioni di euro di Cineca. Lo scarto è desumibile dai listini delle giornate-uomo: un data base administrator, per dire, Cineca lo “vende” a 450 contro i 222 euro del raggruppamento di imprese che si è aggiudicata la gara, l’analista programmatore a 350 e lì 167. In pratica, più del doppio.

Prima di cessare il vecchio contratto e accendere il nuovo, che parte il primo di giugno, si è svolta un’interlocuzione tra il direttore generale di Cineca David Vannozzi (ormai scaduto) e l’omologo del Policlinico, del tutto infruttuosa. Il primo ha rifiutato ipotesi di sconto sul prezzo, determinando di fatto la scelta dell’ospedale per il fornitore “di mercato”. Il Consorzio Cineca ha così comunicato ai 34 lavoratori impiegati da 15 anni presso la sede di via dei Salentini di fare armi e bagagli: dal 3 giugno saranno trasferiti presso la sede di Bologna. Soluzione che sta determinando di fatto, per molti di loro, una condizione obbligata di cessazione del rapporto di lavoro, per impossibilità oggettive a spostare la propria vita e il proprio nucleo familiare in un’altra città. “Una rappresaglia bella e buona”, dicono i sindacati che stanno cercando di mobilitare tutto il personale del consorzio, circa 700 dipendenti, sia per solidarietà ai colleghi sia per il rischio che l’episodio si ripeta intaccando le certezze di altri lavoratori.

Da tempo ormai Cineca naviga in pessime acque, a partire dalla causa col Fisco patteggiata un anno fa per 25 milioni di euro. Forte è il rischio che altre amministrazioni-clienti possano prendere la strada dei bandi e delle convenzioni Consip, anziché quella dell’affidamento diretto già costata al consorzio (e pure al Miur) grattacapi, condanne e sonore bacchettate da parte del Tar e del Consiglio di Stato. La Filcams Cgil aveva sollecitato ad intervenire gli assessorati competenti della Regione Lazio, sanità e lavoro, chiedendo una convocazione alla presenza della Direzione del Policlinico per ricercare una soluzione sostenibile per i lavoratori.

“Il tentativo – spiega il sindacato – è stato fallimentare, così come il confronto con Cineca che, al netto di impegni vaghi di un successivo impiego delle risorse su Roma, non meglio definito nei tempi e nei modi, si è resa indisponibile a ricollocare il personale sulle altre commesse del nostro territorio, ad attivare forme di telelavoro e/o smart working e di definire misure di sostegno aggiuntive per i lavoratori che dovessero decidere di trasferirsi a Bologna”. Qualcuno ha anche proposto programmi di aggiornamento mirati all’assunzione presso aziende private del comparto. Neppure questo ha avuto seguito. Così oggi i dipendenti sono chiamati alla prova di solidarietà: se tutti incrociassero le tastiere, dicono alcuni, i servizi di segreteria gestiti in autonomia dalle università avranno pochi problemi, ma quelli al ministero completamente affidati a Cineca, come i concorsi, potrebbero anche subire rilevanti disservizi.

L’articolo Cineca, sciopero solidale degli informatici contro 34 “esuberi” al Policlinico di Roma. A rischio concorsi e servizio di segreteria proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Translate »