Archivio Tag: Attualità

Rocco Papaleo a “Vieni da Me”: “Ero sul set e ho sentito una presenza divina dietro di me che sembrava spingermi”

Rocco Papaleo è stato ospite di Caterina Balivo a “Vieni da Me” e, oltre a parlare dell’esperienza in prima serata con il suo nuovo programma “Maledetti Amici Miei“, l’attore e regista lucano ha ricordato la recente perdita della mamma, rivelando di aver vissuto subito un momento molto particolare sul set. Tutto inizia con una domanda della conduttrice che gli chiede se sia credente: “Sono ateo. Ma quando ho partecipato alla miniserie dedicata a Padre Pio sul set successe qualcosa di strano. In una delle mie scene più importanti, al momento del ciack ho sentito una presenza dietro di me che sembrava spingermi. Non so cosa fosse, ma sicuramente è stata una delle migliori scene che ho girato”. Caterina Balivo, dopo essersi ripresa dalle sue parole, gli ha domandato: “Dopo quel momento, hai cambiato idea sulla fede?”. “No, ma non vorrei approfondire un argomento così pesante all’ora di pranzo”, ha concluso Papaleo con l’ironia che lo contraddistingue.

L’articolo Rocco Papaleo a “Vieni da Me”: “Ero sul set e ho sentito una presenza divina dietro di me che sembrava spingermi” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Patrick Day, il pugile americano non ce l’ha fatta: è morto per le gravi lesioni cerebrali subite sul ring

Patrick Day non ce l’ha fatta. Il ventisettenne puglie statunitense è morto dopo aver subito una grave lesione cerebrale durante la sua sconfitta con Charles Conwell lo scorso fine settimana alla Wintrust Arena di Chicago. A renderlo noto è stato il promotore Lou DiBella in una nota. Il boxeur, che lottava nella categoria dei superwelter, aveva subito un intervento chirurgico al cervello dopo essere stato messo ko alla 10ma ripresa. “A nome della famiglia, della squadra di Patrick e delle persone a lui più vicine, siamo grati per le preghiere, il sostegno e l’amore per Pat”, ha detto DiBella.

L’articolo Patrick Day, il pugile americano non ce l’ha fatta: è morto per le gravi lesioni cerebrali subite sul ring proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Ron Ely, il figlio dell’attore di “Tarzan” pugnala a morte la madre: poi anche lui viene ucciso dalla polizia

Il figlio dell’attore americano Ron Ely, celebre per aver interpretato il personaggio di Tarzan nell’omonima serie tv andata in onda sull’Nbc negli anni ’60, ha pugnalato a morte la madre Valerie Lundeen Ely e poi è stato a sua volta ucciso a colpi di pistola dai vicesceriffo locali, intervenuti subito dopo il delitto. È successo in California, nell’Hope Ranch dove l’attore 81enne vive con la famiglia: Cameron Ely, 30 anni, ha ucciso a coltellate la madre 62enne. Illeso invece Ron Ely, che ha lanciato l’allarme chiamando il 911: secondo quanto riferito dagli inquirenti, quando la polizia è arrivata sul posto ha trovato Valerie Lundeen Ely ormai senza vita, con il corpo segnato da diverse coltellate.

L’attore ha detto agli agenti che era stato il figlio ad ucciderla e così loro si sono messi sulle sue tracce e l’hanno individuato all’esterno della villa, mentre cercava di nascondersi. Il 30enne ha minacciato gli agenti con lo stesso coltello con cui aveva ucciso la madre e per questo i poliziotti gli hanno sparato uccidendolo. Nessuno degli agenti è rimasto ferito, tutti quelli coinvolti nella sparatoria saranno messi in congedo amministrativo retribuito in attesa di un’indagine. Ely è un attore e romanziere noto per il ruolo di Tarzan nella serie televisiva trasmessa dal 1966 al 1968 sulla Nbc, e per aver interpretato il protagonista in Doc Savage: L’uomo di bronzo.

L’articolo Ron Ely, il figlio dell’attore di “Tarzan” pugnala a morte la madre: poi anche lui viene ucciso dalla polizia proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Le lauree più strane del mondo? Da quella in Circo contemporaneo a Scienze del pollame

Sono una più attraente dell’altra, le lauree più strane del mondo: ti fanno studiare cose superinteressanti e ti preparano a un lavoro da sogno, a volte in senso letterale. Chi sogna di fare il clown può laurearsi in Circo Contemporaneo all’inglese Bath Spa University. Chi vuole diventare un puparo, in Puppet Arts all’Università del Connecticut. Chi vuole solo una vita alla Lebowski, in Gestione e tecnologia dell’industria del Bowling alla Vincennes University. È roba da rendere il Corso in Influencing annunciato in questi giorni dall’Università eCampus un banalissimo dottorato in Medicina generale. Del resto qualcosa di simile, e forse più concreto, l’aveva già proposto l’Università di Leeds, con la triennale in Digital e Social Media: un percorso di studi con tanto di tirocinio di tre mesi in un’agenzia di marketing digitale.

Perché le lauree stravaganti sono spesso delle scommesse: una puntata da qualche decina di migliaia di euro sui possibili lavori (e su un possibile mondo) del futuro. I professoroni dell’Università del Michigan, per esempio, vedono tanti pacchi nel nostro futuro: pacchi alimentari, pacchi Amazon, pacchi ecosostenibili. E insegnano a farli agli studenti del dottorato in School of Packaging.

Quelli dell’Università della Georgia vedono tanti polli. Talmente tanti da aver creato il corso di laurea in Scienze del pollame (anche se si studiano pure tacchini, uccelli e quaglie). I dirigenti dell’Università di Edinburgo, più che vedere, sentono le voci, e hanno creato un dottorato in Scienza del Paranormale. I rettori del Kentucky hanno scommesso – saggiamente – su un mondo sempre più anziano e alla ricerca crescente di tate: The Professional Nanny, si chiama il corso annuale della Sullivan University.

I loro colleghi veneziani della Cà Foscari si sono concentrati su un mondo più meditativo, e hanno sfornato il primo Master europeo in Yoga studies. Quelli di Teramo e Bari, invece, su un’umanità sempre più in armonia con gli animali. I primi hanno creato la Laurea triennale in Tutela e benessere dell’animale. I secondi in Scienze dell’allevamento, igiene e benessere del cane e del gatto. I più concreti restano però gli scozzesi della Heriot-Watt University, grandi bevitori: loro, più semplicemente, hanno creato la laurea in Produzione della Birra.

Sono più pop i professori di Harvard, che hanno hanno proposto il corso The Real Game of Thrones: From Modern Myths to Medieval Models: un approfondimento sul Medioevo che parte dalla serie del Trono di Spade. All’Università di Baltimora hanno creato addirittura un Corso sulla pop culture, con esami ora sugli eroi della Marvel, ora sulla rappresentazione degli zombie al cinema. A quella della California invece sono rimasti sui più “classici” Simpson, ma affiancati alle teorie filosofiche di Kant, Rousseau e Platone.

Non poteva non essere all’Università di Liverpool invece il corso dedicato ai Beatles e alla loro influenza sulla storia mondiale. I più appassionati alla storia inglese possono approfondire ulteriormente nella vicina Staffordshire University, e partecipare al corso (obbligatorio per gli studenti in Scienze dello sport) dedicato a David Beckham: 12 settimane per sapere tutto del suo gioco, della sua storia con Victoria e persino dei suoi vari tagli di capelli. Sognando Beckham, la notte prima degli esami.

L’articolo Le lauree più strane del mondo? Da quella in Circo contemporaneo a Scienze del pollame proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Verissimo, l’ex rugbista Martin Castrogiovanni: “I medici mi hanno dato sei mesi di vita per un tumore”

I medici gli avevano dato sei mesi di vita per un tumore ma poi le cose, fortunatamente, non sono andate così. A rivelarlo è stato l’ex rugbista Martin Castrogiovanni che, ospite di Silvia Toffanin a Verissimo, dopo aver ripercorso la sua carriera e i successi sportivi, ha raccontato la malattia che lo ha colpito qualche anno fa. “Nel 2015 ero in Inghilterra – ha detto l’ex rugbista – e ho iniziato ad avere mal di schiena. I medici mi hanno dato sei mesi di vita per un neurinoma (un tumore del plesso lombare, ndr) – ha svelato Castrogiovanni che finora aveva tenuto segreto quanto accaduto -. Temevano che avessi un male maligno che avesse preso il nervo del piede. Mi hanno operato, ma per fortuna non era maligno e non aveva preso tutto il nervo. Dopo un mese, ero di nuovo in campo. Non parlo mai di questa cosa, per rispetto di chi sta lottando per questa malattia”, ha concluso Martin Castrogiovanni.

L’articolo Verissimo, l’ex rugbista Martin Castrogiovanni: “I medici mi hanno dato sei mesi di vita per un tumore” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Tributo a Nadia Toffa, Ilary Blasi rompe il silenzio sui social dopo le tante polemiche per via della sua assenza

La sua assenza alla puntata commemorativa de Le Iene dedicata a Nadia Toffa aveva fatto discutere molti utenti social. E le polemiche sono continuate per giorni. Ilary Blasi è tornata a pubblicare su Instagram dopo giorni di silenzio e lo ha fatto con una foto che testimonia la sua lontananza da casa ma senza commentare direttamente le tante critiche ricevute. La moglie di Francesco Totti si trova a Londra per motivi di lavoro. D’altra parte già la redazione de Le Iene aveva voluto mettere un punto sulla questione, ovvero sull’assenza di Ilary Blasi e di Teo Mammucari con una precisazione inviata all’AdnKronos: “Sono polemiche infondate. Abbiamo deciso di organizzare questo omaggio a Nadia Toffa in dieci giorni perciò all’ultimo momento e abbiamo chiesto a tutti di venire in studio. Abbiamo chiesto inoltre a tutti di fare un video per cui chi non è riuscito ad esserci fisicamente ha aderito all’iniziativa con il video e per questo motivo gli siamo molto grati”. E anche Selvaggia Lucarelli ha difeso Ilary: “Questa cosa che dovesse essere presente, questa cosa che gli altri debbano decidere non solo la grammatica del dolore altrui ma pure la forma e il luogo in cui debbano manifestarsi, è l’ultimo tassello dell’abbruttimento social. Che pena”, ha scritto la blogger.

Visualizza questo post su Instagram

Back home????

Un post condiviso da Ilary Blasi (@ilaryblasi) in data:

L’articolo Tributo a Nadia Toffa, Ilary Blasi rompe il silenzio sui social dopo le tante polemiche per via della sua assenza proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Luigi Berlusconi, il figlio di Silvio diventa papà: “Lui e la compagna aspettano un figlio”

Luigi Berlusconi, l’ultimogenito dell’ex premier Silvio e di Veronica Lario, diventa papà a fine gennaio. A rivelarlo è il settimanale Gente secondo cui lui e la compagna Federica Fumagalli aspettando un bambino. La ragazza, con cui è fidanzato da ormai otto anni, è al quinto mese di gravidanza. Per nonno Silvio Berlusconi sarà quindi il dodicesimo nipote, dopo i due avuti dalla primogenita Marina, i tre di Piersilvio, i quattro di Barbara e i due di Eleonora. Luigi, terzogenito di Silvio e Veronica Lario, ha conosciuto Federica Fumagalli all’università Bocconi di Milano, che entrambi hanno frequentato. Dopo gli studi ha fatto esperienza in società finanziarie e oggi si occupa di investimenti in start up e nel mondo digitale.

L’articolo Luigi Berlusconi, il figlio di Silvio diventa papà: “Lui e la compagna aspettano un figlio” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Vicenza, rissa fra mamme allo spettacolo di Frozen: 700 euro di multa e altri 2500 di risarcimento per una 43enne

Avevano accompagnato i loro figli a vedere uno spettacolo di Frozen nel centro commerciale Le Piramidi di Torri Qartesolo, in provincia di Vicenza, ma quello che doveva essere un pomeriggio di allegria si era trasformato in una rissa finita poi davanti al giudice di pace, che ora ha condannato l’autrice della rissa, una donna di 43 anni, a pagare una multa di 700 euro e a risarcire la “rivale” di 2500 euro per le ferite riportate.

I fatti risalgono al 5 gennaio del 2016 ma la sentenza del giudice di pace è arrivata solo il 27 settembre scorso, come riferisce Il Giornale di Vicenza. Protagoniste della vicenda sono due mamme vicentine che avevano deciso di assistere con la famiglia allo spettacolo Frozen – Il mondo di ghiaccio: secondo quanto ricostruito in tribunale, tutto era cominciato perché una delle due mamme aveva messo la classica giacca sulla sedia per “prenotarsi” i posti in prima fila. Un gesto che non è stato gradito dall’altra mamma, che ha iniziato ad inveire e insultarla. Così in breve dalle parole si è passati alle mani, con la 43enne che, infuriata, ha colpito con un ceffone e alcuni pugni l’altra mamma. Il tutto davanti ai loro figli e agli altri bambini presenti.

Solo l’intervento dei carabinieri era riuscito a separare e calmare gli animi delle due e si era poi reso necessario anche l’intervento dell’ambulanza per soccorrere la vittima del pestaggio, che era stata trasportata in ospedale. Ora il giudice ha condannato la mamma che l’ha aggredita la quale però ha già annunciato di voler far ricorso, dal momento che la sua versione dei fatti è ben diversa: la 43enne sostiene infatti essere stata colpita lei da un ceffone, di essersi voltata e aver urtato senza volerlo l’altra donna.

L’articolo Vicenza, rissa fra mamme allo spettacolo di Frozen: 700 euro di multa e altri 2500 di risarcimento per una 43enne proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Angela Cavagna denuncia l’ex marito e i responsabili di Pomeriggio 5: “Diffuse informazioni non verificate e diffamatorie”

La showgirl Angela Cavagna, l’ex infermiera di Striscia La Notizia tra gli anni Ottanta e Novanta, ha deciso di denunciare per “calunnia, diffamazione, danni morali e personali” l’ex marito Orlando Portento – il creatore del Triccheballacche – e i responsabili di Pomeriggio 5, in onda su Canale 5. Portento, Nel corso della puntata del 26 settembre del programma condotto da Barbara D’Urso, ha diffuso”numerose informazioni non veritiere e diffamatorie”. Lo sottolinea l’entourage della showgirl. La comunicazione è arrivata via Facebook: “Buongiorno cari, vi comunico che dopo quanto accaduto in queste ultime settimane e quanto andato in onda sull’emittente Canale 5 nel programma pomeridiano ‘Pomeriggio 5‘ giovedì 26.9.2019 ho provveduto a dare incarico all’avv. Umberto Pruzzo di sporgere denuncia per ‘Calunnia, diffamazione, danni morali e personali nei confronti del Sig. Orlando Portento e dei responsabili del programma televisivo. Vi abbraccio e vi mando un bacio grande”.

La showgirl precisa inoltre sul suo account Instagram che “l’intero ricavato delle denunce effettuate verrà devoluto in beneficenza per la cura dei bambini meno fortunati all’Istituto Giannina Gaslini di Genova”. Durante la puntata del 26 settembre a Pomeriggio 5 Orlando Portento si è lasciato andare a insulti nei confronti dell’ex moglie, accusandola di avergli portato via molto denaro e di aver esibito la sua ricchezza quando a sua volta era stata ospite di Barbara D’Urso.

L’articolo Angela Cavagna denuncia l’ex marito e i responsabili di Pomeriggio 5: “Diffuse informazioni non verificate e diffamatorie” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Lele Mora: “Il tumore è grande, lungo 8 cm e profondo 5. Devo fare una terapia di 25 radio, perché deve ridursi”

Lele Mora ha scoperto solo pochi giorni fa mentre stava facendo un’intervista di avere un tumore maligno e domenica sera ha deciso di parlarne in diretta a “Live – Non è la D’Urso“. “Tu mi sei stata vicina e sai, questo male che mi è arrivato per tanti dispiaceri – ha esordito l’ex agente dei vip rivolgendosi a Barbara D’Urso -, il carcere, dopo il carcere è morto mio papà, a cui ero legatissimo, poi mia mamma, poi sai ripartire non è facile. Un giorno, un mese fa circa viene un mio amico fisioterapista a farmi un messaggio, erano giorni stanchissimi, mi giro sulla schiena e mi dice ‘ma cosa hai qua? hai una cosa qua, hai preso una botta?‘ e mi fa sentire la parte, come io lo faccio sentire a te. È grande, lungo 8 cm e profondo 5“, ha rivelato.

Lele Mora è stato ospite in studio accompagnato dalla figlia Diana e il suo racconto è stato scandito dai forti applausi del pubblico in studio. “Non me ne sono mai accorto, ho fatto un ago aspirato per la biopsia e domani viene anche mio figlio ad accompagnarmi dai chirurghi – ha spiegato Lele Mora -. Devo fare una terapia di 25 radio, perché deve ridursi. Domani mi danno un’altra risposta sulle ultime tac che ho fatto, per vedere se ci sono problemi al rene. Dopo le radio mi operano, deve diventare almeno 5 cm, perché l’operazione altrimenti diventa faticosa. Il primo giorno di radio sono stato male, sono molto forti, ma mi servono per stare meglio, guarire e riprendere a lavorare”, ha concluso.

L’articolo Lele Mora: “Il tumore è grande, lungo 8 cm e profondo 5. Devo fare una terapia di 25 radio, perché deve ridursi” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Translate »