Archivio Tag: Unione Europea

Coronavirus, ministro Finanze olandese: “No a coronabond. Mes? In passato ottimi risultati”. Sanchez: “Salva-Stati solo in fase iniziale. Poi serve solidarietà”. Bce: “Eurobond una tantum sono una possibilità”

Mentre dalla Banca centrale europea continuano ad arrivare segnali di apertura alle richieste dei Paesi del centro e sud Europa, tra cui l’Italia, rinnovando la disponibilità a fare tutto il necessario per sostenere gli Stati membri durante la crisi dovuta al coronavirus e mantenendo aperta la possibilità dei coronabond “una tantum”, è di nuovo il ministro delle Finanze olandese, Wopke Hoekstra, a mettersi alla guida del gruppo dei rigoristi. Dopo le dure critiche raccolte in seguito alla richiesta di un’indagine della Commissione Ue sulla gestione dei bilanci da parte di Paesi come l’Italia e la Spagna, il capo del Tesoro di Amsterdam è tornato a chiudere la porta agli eurobond e a sponsorizzare il Mes: “In passato ha dato ottimi risultati“.

Hoekstra: “La Bce sta facendo abbastanza, no ai coronabond”
In un’intervista a Repubblica, il ministro delle Finanze del governo guidato dal liberale Mark Rutte ha dichiarato che “nella strategia di lungo termine dobbiamo assicurarci che l’Unione Europa sviluppi resilienza e prosperità capaci di durare nel futuro. Concordo sul fatto che gli strumenti per riuscirci debbano essere comuni, ma ci sono differenti punti di vista. A nostro avviso la Bce sta facendo abbastanza e gli eurobond non rappresentano una soluzione“.

Quando gli viene chiesto quali siano i piani di Amsterdam e dei paesi del Nord che, insieme alla Germania, compongono il blocco dell’austerity, il ministro olandese risponde: “Per noi l’obiettivo è duplice. Rispondere alle esigenze immediate e assicurarci che a lungo termine gli stati membri e la zona euro siano resilienti. In passato il Fondo Salva-Stati o Mes ha dato ottimi risultati. Comunque è difficile dire come proseguirà la discussione, ne stiamo parlando con i partner Ue”.

All’appello dei Paesi del Sud, tra i quali anche quello del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, che in varie interviste a quotidiani olandesi e tedeschi ha chiesto maggiore unità, solidarietà e collaborazione da parte di tutti i Paesi membri, ricordando che una crisi del Sud Europa metterebbe in difficoltà le economie di tutti gli altri Stati, Hoekstra risponde dicendo di credere “fermamente nella collaborazione europea. Concordo sul fatto che dobbiamo agire insieme visto che i nostri Paesi sono totalmente interconnessi dal punto di vista economico e dei valori. Dobbiamo creare più stabilità, non più instabilità. La grande domanda è come. E su questo abbiamo opinioni diverse, ma i Paesi Bassi lavorano per creare ponti, non per dividere”.

E sul futuro delle imprese disegna un quadro cupo: “In Parlamento mi è stato chiesto se posso garantire che nessuna azienda fallisca. La mia risposta è che come governi e come Unione saremo capaci di uscire da questo momento, ma in tutta onestà devo anche dire che in Olanda e in Europa alcune imprese finiranno nei guai“.

Sanchez: “Mes? Utile solo in una prima fase”
Al ministro Hoekstra, sempre dalle colonne di Repubblica, risponde il capo del governo spagnolo, Pedro Sanchez. Il Mes “può tornare utile in una prima fase per iniettare liquidità nelle economie europee tramite una linea di credito, qualora questa sia universale e senza condizionalità, ma non sarà sufficiente a medio termine – ha detto – È il momento di agire in modo solidale, creando un nuovo meccanismo di mutualizzazione del debito, agendo in blocco per l’acquisto di prodotti sanitari di prima necessità, stabilendo delle strategie coordinate sulla cybersicurezza e preparando un grande piano di intervento affinché la ripresa del continente sia veloce e solida”.

Non è certamente d’accordo sul fatto che in passato il Fondo Salva-Stati abbia portato a ottimi risultati, riferendosi implicitamente al caso greco: “Gli Stati Uniti hanno risposto alla recessione del 2008 con degli incentivi, mentre l’Europa rispondeva con l’austerità. I risultati sono noti a tutti. Oggi, in un momento in cui si presenta una crisi economica globale più profonda di quella, gli Stati Uniti hanno applicato la più grande mobilitazione di risorse pubbliche della loro storia. E l’Europa? È disposta a rimanere indietro? Questo è il momento di rompere i vecchi dogmi nazionali“.

In una situazione così eccezionale, aggiunge il premier di Madrid, “o siamo all’altezza delle circostanze o falliremo come Unione. Abbiamo bisogno di una solidarietà decisa. Senza solidarietà non ci sarà coesione, senza coesione ci sarà disaffezione e quindi la credibilità del progetto europeo verrà gravemente danneggiata”.

Schnabel (Bce): “Faremo tutto il necessario. Ok a coronabond una tantum”
La Bce, intanto, rinnova la propria apertura a ogni tipo di soluzione condivisa. Il membro tedesco del comitato esecutivo della Bce, Isabel Schnabel, in un’intervista al giornale greco To Vima, ha detto che il piano da 750 miliardi (Pepp) con il quale la Banca centrale europea comprerà titoli pubblici e privati rappresenta “la nostra risposta a questo shock economico straordinario causato dalla pandemia”. Si tratta di un piano “temporaneo, significativo per dimensioni ed elastico”, ha aggiunto precisando che “durerà fino a quando la crisi sarà finita, ma comunque almeno fino alla fine dell’anno”.

Ma non chiude alla possibilità di ricorrere ai coronabond: “L’emissione una tantum dei coronabond potrebbe essere una possibilità”, continua aggiungendo che “ci sono altri strumenti che potrebbero essere utilizzati, come un Fondo di salvataggio dell’Ue oppure misure che coinvolgono il Mes o la Banca Europea per gli Investimenti“.

E lancia un messaggio alle banche: “La crisi avrà certamente effetti negativi sulle banche, ma questa volta gli istituti di credito non sono la causa della crisi, ma piuttosto devono essere parte della soluzione visto che si trovano in una posizione migliore, con più capitale e liquidità”.

L’articolo Coronavirus, ministro Finanze olandese: “No a coronabond. Mes? In passato ottimi risultati”. Sanchez: “Salva-Stati solo in fase iniziale. Poi serve solidarietà”. Bce: “Eurobond una tantum sono una possibilità” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Coronabond, perché la Germania non li vuole

Capire o inveire? Pare essere dovere patriottico insultare i tedeschi, perché si oppongono ai coronabond. Questa in effetti è un’espressione priva di significato preciso. Comunque nella sostanza si tratterebbe di obbligazioni (bond) emesse dall’Unione europea (Ue) o altro soggetto, per raccogliere soldi per i costi, sicuramente esorbitanti, dovuti al coronavirus. I coronabond o eurobond sarebbero titoli garantiti in solido da tutti gli Stati dell’Ue, come si dice in termini giuridici. Cioè, se qualcuno non rimborsa la sua quota, tocca agli altri pagare il rimborso del prestito per lui.

E questo è il problema. Lo scenario paventato dai tedeschi è il seguente: i coronabond vengono emessi, i soldi raccolti distribuiti fra gli Stati dell’Ue, poi l’Italia, la Grecia ecc. non li restituiscono e così soprattutto la Germania, ma anche i Paesi Bassi ecc. dovranno accollarsi il rimborso anche delle loro quote oltre che delle proprie.

Giuridicamente varrebbe pure l’ipotesi opposta, ossia la Germania insolvente e l’Italia che va in suo soccorso. Ma nessuno la prende seriamente in considerazione. Come mai? Anche solo perché l’Italia è già ora indebitata fino al 135% del proprio Prodotto interno lordo (Pil) e la Germania poco sopra il 60%.

Per di più mediamente i tedeschi conoscono l’Italia molto più che viceversa. Per citare un aspetto piacevole, i tedeschi che soggiornano volentieri nella loro seconda o terza casa in Italia sono enormemente più dei pochissimi italiani che fanno le ferie nella propria casa in Germania. Conoscendo l’Italia, i tedeschi sono convinti che essa sia alquanto corrotta, che per anni i suoi politici abbiano saccheggiato il bilancio pubblico per l’arricchimento personale e per coltivare le proprie clientele. Sono convinzioni così strampalate?

Aggiungiamo che essi hanno letto più volte che l’Italia è molto indebitata, ma individualmente gli italiani sono in media più ricchi di loro. Infatti i Btp e in generale i titoli di Stato sono un debito per il Tesoro, ma sono una voce attiva nei patrimoni di molti italiani, direttamente o indirettamente. Cioè in quanto nei fondi comuni o pensione, nelle polizze ecc.

All’estero sconcerta soprattutto la richiesta di emettere coronabond, cioè di dare soldi all’Italia, addirittura in modo incondizionato. Pensano infatti che, in assenza di vincoli stringenti, essi finirebbero nelle tasche di politici e amministratori corrotti, senza neppure essere d’aiuto alle persone bisognose.

Congiunto a innegabili egoismi, ciò spiega alcune posizioni brutali, come quella di un gruppo di economisti e rappresentati degli imprenditori di area conservatrice, che senza mezzi termini ha gridato: “Purché niente soldi per l’Italia”.

È però falso che i tedeschi siano sordi a ogni richiamo di solidarietà europea. Per accorgersene, basta leggersi l’editoriale in tal senso del direttore del settimanale Der Spiegel: “Cosa aspettiamo?” di Enrik Müller.

Inoltre, prima di venire in soccorso dell’Italia, i Paesi più ricchi dell’Ue vorrebbero capire meglio quanti hanno bisogno di aiuto. Non gli sembra opportuno concedere subito aiuti all’Italia, solo perché è stata colpita prima dal coronavirus, senza aspettare almeno qualche settimana per avere un quadro complessivo della situazione.

L’articolo Coronabond, perché la Germania non li vuole proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Trattato Ue-Mercosur, gli agricoltori tedeschi in piazza: “È in contrasto con le politiche per il clima siglate dalla stessa Europa”

“Ci stiamo muovendo sempre di più verso un’agricoltura industriale che è in contrasto con le politiche di salvataggio del clima che gli Stati europei hanno siglato”. Saskia Richarzt, portavoce di Wir haben es satt!, associazione che protesta contro le politiche agricole del governo tedesco e dell’Europa, riassume così il motivo per cui gli agricoltori tedeschi scendono in piazza a Berlino contro il trattato Ue-Mercosur, ovvero l’accordo commerciale sottoscritto lo scorso 28 giugno dopo 20 anni di negoziati tra Unione europea da un lato e Brasile, Argentina, Uruguay e Paraguay dall’altro. Proprio a questo trattato, come fatto precedentemente con il TTIP e il CETA, che gli agricoltori tedeschi si oppongono perché vedono un rischio per le proprie aziende. Wir haben agrarindustrie satt! è il nome della manifestazione, arrivata al decimo anniversario, degli agricoltori e dei cittadini che cercano un modello alternativo allo sfruttamento intensivo del terreno e all’uso deliberato di pesticidi. E che ora chiedono al governo di Angela Merkel di mettere il veto al trattato.

L’accordo Ue-Mercosur “si basa sulla continuazione dell’agricoltura industriale, che è stata a lungo considerata un fallimento e non è più adatta per il futuro: danneggerà i produttori di entrambi i continenti”, afferma Antonio Andrioli, studioso brasiliano, che spiega così il motivo per cui gli agricoltori tedeschi scendono in piazza. “In pratica – prosegue – si parla di importare carne ed etanolo più economici dall’America Latina, ovvero prodotti associati localmente al degrado ambientale e alle violazioni dei diritti umani”, sostiene Andrioli. A questo si aggiungono le problematiche ambientali e la differenza legislativa sull’utilizzo dei pesticidi come il Glifosato e il Paraquat. “In Germania il limite di Glifosato nelle acque è di 0,5 microgrammi, in Brasile di 500 microgrammi – continua lo studioso – in pratica si esportano in America Latina pesticidi che vengono utilizzati per prodotti che poi verranno reintrodotti in Europa grazie agli accordi commerciali”.

Il Brasile è, insieme agli Stati Uniti, il paese che utilizza il maggior numero di pesticidi al mondo. Più di 150 di questi non sono consentiti dall’attuale normativa comunitaria. Il rischio è quello di ritrovarsi sugli scaffali dei supermercati prodotti che non rispettano gli standard europei di sicurezza alimentare. “In Europa produciamo abbastanza carne per sfamarci, non si tratta di bisogni ma di importare prodotti a basso costo. Inoltre, importiamo etanolo prodotto dalla soia. Si disboscano le foreste per fare la soia”, afferma Saskia Richartz. In pratica è come se i governi da un lato si impegnassero per ridurre le emissioni e poi dall’altro lato delegassero all’America Latina il settore primario, importando cibo per esportare prodotti industriali, creando succursali dell’inquinamento. Un modello che secondo Richartz non solo danneggerebbe il pianeta ma fungerebbe da “dumping nei confronti degli agricoltori sia Europei che dell’area economica del Mercosur”.

Dello stesso parere dei manifestanti è il sottosegretario all’Ambiente del governo italiano, Giuseppe L’Abbate, in visita a Berlino per il forum sull’agricoltura. “Sul Mercosur ci siamo dichiarati contrari perché un trattato di libero scambio com’era impostato avrebbe portato nel nostro Paese carne proveniente da mercati di cui non conosciamo gli interventi sanitari”. Il trattato prevede la rimozione delle tariffe per i prodotti europei nei settori auto, componenti di automobili, macchinari, prodotti chimici, prodotti farmaceutici, abbigliamento, calzature e tessuti. Inoltre, indebolisce i controlli su prodotti, come la carne, provenienti da paesi in cui sono legali centinaia di pesticidi da noi proibiti e dove gli Ogm possono liberamente circolare.

Protezione del clima, protezione degli animali, combattere la mortalità degli insetti, a cui si aggiungono la fine dell’uso di pesticidi chimici sintetici entro il 2035 e l’aiuto agli agricoltori nella transizione verso un’agricoltura ecologica amica delle api: queste sono le richieste degli agricoltori al governo di Angela Merkel che ha creato una commissione apposita. Ma lo scetticismo tra i manifestanti rimane, proprio nel Paese in cui ha sede la più grande azienda chimica al mondo, la Bayer. “Il governo favorisce i grandi gruppi agrochimici e dell’agricoltura industriale – sostiene Reinhild Benning, dell’associazione GermanWatch – mettendo a rischio l’esistenza stessa degli agricoltori, della trasparenza e dell’alimentazione sana.”

L’articolo Trattato Ue-Mercosur, gli agricoltori tedeschi in piazza: “È in contrasto con le politiche per il clima siglate dalla stessa Europa” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Noi di Essere Animali abbiamo visto come allevano branzino e orata. E le condizioni sono terribili



Anno dopo anno, l’acquacoltura continua a confermarsi come il settore alimentare con il più alto tasso di crescita. A livello globale, la produzione acquicola ha oramai superato quella proveniente dalla pesca di cattura selvatica e costituisce la fonte di approvvigionamento principale di risorse ittiche destinate al consumo umano diretto.

Tuttavia, negli allevamenti intensivi milioni e milioni di pesci sono privati della loro libertà, esposti a fattori di stress e sottoposti a pratiche crudeli. Si tratta di una realtà ancora largamente ignorata che ha conseguenze negative non solo per gli animali, ma anche per i mari e gli oceani.

Per questa ragione, Essere Animali continua il lavoro investigativo all’interno dell’industria dell’acquacoltura, con l’obiettivo di puntare i riflettori sul lato oscuro della produzione ittica e mostrare la sofferenza dei pesci allevati a scopo alimentare.

Per realizzare la nostra ultima indagine siamo andati in Grecia, da cui proviene più della metà delle importazioni italiane di branzino e orata. Nel 2016, per esempio, l’Italia ha importato circa 64mila tonnellate di queste due specie, di cui quasi 40mila direttamente dalla Grecia. Numeri che hanno trovato conferma anche negli anni successivi: un branzino e un’orata su due in vendita nei supermercati e nei mercati rionali italiani arriva dagli allevamenti ellenici.

I nostri investigatori si sono recati nella zona di Sagiada, a nord della città di Igoumenitsa, dove hanno visitato sotto copertura alcuni stabilimenti di acquacoltura che riforniscono note realtà della grande distribuzione italiana. Questa area è caratterizzata da un’alta concentrazione di allevamenti di branzini e orate. Infatti, in un tratto di costa di poche decine di chilometri si trovano ben 26 allevamenti diversi, ciascuno con numerose gabbie al cui interno sono stipate decine di migliaia di animali.

Le nostre immagini documentano le terribili condizioni in cui questi animali sono costretti a vivere, a partire proprio dalle gabbie sovraffollate. Densità di allevamento elevate provocano stress cronico nei pesci e limitano enormemente l’attività del nuoto. Rinchiusi in strutture di pochi metri quadrati, branzini e orate si muovono in cerchio in preda all’apatia e quando nuotano spesso si scontrano gli uni con altri.

Inoltre, il sovraffollamento causa la diffusione di parassiti e batteri, che possono trasmettersi anche da una gabbia all’altra. La qualità dell’acqua ne risente e in condizioni insalubri i pesci si ammalano con più facilità. Farmaci antibiotici e trattamenti antiparassitari sono somministrati con regolarità sotto forma di mangime medicato. In una gabbia, questo viene dispensato sia agli individui sani che a quelli malati perché le possibilità di contagio sono altissime.

Al momento dell’uccisione, a questi animali è riservato il trattamento più doloroso. Abbiamo documentato scene in cui branzini e orate si dimenano con agitazione e tentano di fuggire alla cattura. Una volta prelevati dall’acqua, rimangono sospesi nell’aria all’interno di reti dove, ammassati gli uni sugli altri, si feriscono e vengono schiacciati dal peso degli altri pesci intrappolati.

Infine, branzini e orate sono gettati ancora vivi all’interno di contenitori di acqua e ghiaccio dove boccheggiano agonizzanti prima di morire di congelamento e asfissia. La perdita di coscienza, infatti, non è immediata e per questi animali ciò comporta soffrire terribilmente per interminabili minuti.

L’Organizzazione mondiale della sanità animale (Oie) considera l’immersione in acqua e ghiaccio senza stordimento preventivo un metodo di uccisione inadeguato e causa di ingiustificata sofferenza per i pesci. Di conseguenza, il suo impiego è una chiara violazione delle norme internazionali dell’Oie in materia di benessere dei pesci d’allevamento destinati al consumo umano.

Tuttavia, è la pratica di abbattimento più comune utilizzata non solo in Grecia, ma anche negli altri stati dell’Unione europea, come emerso da un rapporto della Commissione pubblicato nel 2018. In Italia abbiamo documentato le stesse problematiche nella nostra prima indagine all’interno dei principali allevamenti ittici del nostro Paese e contribuito a svelare, per la prima volta in Europa, il vero volto dell’acquacoltura.

È importante che si riconosca il valore della vita dei milioni di pesci che si trovano negli allevamenti intensivi, perché anche loro sono creature intelligenti, sensibili e senzienti proprio come gli animali terrestri. Per questo motivo, il nostro impegno concreto in loro difesa continua attraverso la campagna #AncheiPesci, con la quale chiediamo alla grande distribuzione organizzata di adottare policy di allevamento che obblighino i fornitori a tutelare il benessere e ridurre la sofferenza di questi animali.

L’articolo Noi di Essere Animali abbiamo visto come allevano branzino e orata. E le condizioni sono terribili proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Erasmus+ in Uk, cosa vuol dire interromperlo? L’ho chiesto alle mie coinquiline londinesi

Il progetto Erasmus + nel Regno Unito verrà probabilmente interrotto dopo il 2020: questa la decisione presa mercoledì sera dalla Camera bassa. Ho chiesto alle mie coinquiline cosa ne pensassero: Loredana, 22 anni, mi ha risposto che togliere la possibilità agli studenti inglesi di studiare all’estero – e di conseguenza, agli studenti europei di studiare nelle Università inglesi – sia una scelta tremendamente sbagliata.

Lei adora viaggiare e considera questo passo indietro del Regno Unito una perdita di opportunità per milioni di studenti e studentesse. Jessica, classe 98, mi dice che questa decisione rischia di limitare le scelte dei giovani, “costretti” nei loro paesi. Aggiunge anche che tale scelta può avere uno spiacevole impatto anche su ragazzi e ragazze che non necessariamente studiano all’Università, ma che desiderano comunque lavorare e studiare l’Inglese nel Regno Unito.

Voi adesso penserete che le mie coinquiline siano le “tipiche” studentesse italiane fuori sede mantenute dai genitori. Non è così (anche se comunque, non ci sarebbe nulla di male). Loredana e Jessica dopo il liceo non si sono iscritte all’Università, ma hanno preferito lavorare e viaggiare. Loredana ha fatto un corso per diventare barmaid e serve cocktails da anni. Ha vissuto a Barcellona, a Ca’n Picafort (a Nord di Palla De Mallorca) e ora vive a Londra per migliorare l’inglese, lavorando in un club nel quartiere centrale di Soho.

Jessica è venuta qui per imparare l’inglese, va a lezione ogni pomeriggio. Da qualche settimana ha deciso di andare prima a scuola per incontrarsi con i suoi compagni di classe – tutti di nazionalità diverse – per ripassare con loro i compiti assegnati. Tornerà ad Aosta a fine mese per poter ricominciare la sua vita in Italia cercando un nuovo lavoro.

Ho voluto coinvolgere le mie coinquiline perché hanno un background diverso dal mio. Ho deciso di riportare i loro commenti ed esperienze per sottolineare il fatto che la libertà di movimento, la possibilità di poter studiare per un semestre o due con un progetto Erasmus + nel Regno Unito (senza dover spendere migliaia di sterline di iscrizione) sono delle opportunità che riguardano la società intera, non solo gli studenti e studentesse.

Da questo punto di vista, la rinuncia al progetto e più in generale la Brexit, non rappresentano la ripresa della sovranità da parte dei cittadini britannici; questo processo di uscita si traduce all’atto pratico con la trasformazione dei diritti in privilegi (per cittadini britannici e non). Per esempio, saranno sempre meno le persone che potranno impiegare soldi e tempo per il visto o che potranno mandare i propri figli e figlie a studiare nelle Università inglesi (considerando anche il progressivo e continuo aumento delle tasse già in atto).

L’eventuale addio all’Erasmus + dopo il 2020 rappresenta la rinuncia a una società aperta e inclusiva, in linea con le proposte che Boris Johnson porta avanti da mesi sul fronte della futura gestione delle frontiere britanniche per esempio.

Il 31 gennaio il divorzio dall’Ue si compirà e inizierà il conto alla rovescia per gli undici mesi a disposizione per il negoziato. Nessuno può prevedere cosa succederà di preciso. Dopo il voto di ieri della camera dei comuni però c’è una certezza in più: è molto probabile che il Regno Unito uscirà dal progetto Erasmus + di cui migliaia di europei – me inclusa – hanno potuto usufruire nel corso degli ultimi decenni.

L’articolo Erasmus+ in Uk, cosa vuol dire interromperlo? L’ho chiesto alle mie coinquiline londinesi proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Gentiloni alla stampa tedesca: “Patto di Stabilità pensato in epoca di crisi. Ora siamo fuori, cambiamolo”

Il Patto di Stabilità deve essere rivisto perché pensato in un momento di crisi per l’economia europea e mondiale. Lo ha detto il commissario europeo agli Affari Economici, Paolo Gentiloni, in un’intervista alla Süddeutsche Zeitung: “Dobbiamo mettere in chiaro che queste regole sono nate in un momento particolare, nel contesto di una crisi. Ora però da questa crisi siamo fuori – ha detto l’ex presidente del Consiglio – E abbiamo altre sfide davanti a noi, come la lotta al cambiamento climatico e il pericolo di avere, per un lungo periodo, una crescita bassa e una bassa inflazione. In questo contesto le regole europee devono essere gradualmente adeguate”.

In risposta ai critici della sua nomina a nuovo titolare dell’economia dell’Unione, Gentiloni ha voluto dire che non ha alcuna intenzione di applicare “due pesi e due misure” in modo da favorire l’Italia nel contesto europeo: “La presidente von der Leyen ha più volte ripetuto quanto sia importante usare la flessibilità“, ha poi aggiunto.

L’articolo Gentiloni alla stampa tedesca: “Patto di Stabilità pensato in epoca di crisi. Ora siamo fuori, cambiamolo” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Salvini, scontro Calenda-Senaldi su La7. “Prima gli italiani? No, prima le cubiste del Papeete”. “È un azienda turistica che fattura tanti soldi”

Polemica pepata a Dimartedì (La7) tra Carlo Calenda, europarlamentare e leader di Azione, e il direttore responsabile di Libero, Pietro Senaldi. Quest’ultimo, prendendo spunto da un dato sulla crisi del mercato immobiliare, osserva: “Era già entrato in crisi col governo Monti. Ricordiamo che Monti ce l’ha mandato la Merkel, dopo che noi abbiamo salvato la Grecia. In realtà, non abbiamo salvato la Grecia, ma le banche della signora Merkel“.
E ti pareva“, insorge l’ex ministro Elsa Fornero, ospite in collegamento.

Quando le nostre banche sono andate in crisi – continua Senaldi – la signora Merkel non ha mosso un dito. Ma perché dobbiamo delegare la nostra economia sempre ai tedeschi, che se ne fregano di noi?”.
“Ma quand’è che abbiamo salvato le banche tedesche coi soldi italiani?”, chiede Calenda.
“Quando abbiamo salvato la Grecia”, risponde Senaldi.
“No, no, scusa, contribuì tutta la Ue – replica l’europarlamentare – Quindi, non dovevamo aiutare la Grecia?
Ah, guarda, a me non interessa assolutamente salvare la Grecia“, risponde Senaldi.
“Ah, allora basta – ribatte Calenda – Va bene così. Ma perché poi state sempre a frignare sul fatto che la Ue non ti aiuta e, quando poi aiutiamo un Paese, dici che non avremmo dovuto aiutarlo? Si abbia almeno una idea chiara nella vita”.

“Prima gli italiani”, ironizza Giovanni Floris.
“Ma è evidente – controbatte Calenda, citando Salvini – Non è che vado al governo e al ministero, dicendo che ci sono prima gli slovacchi. Ma se vuoi governare prima per gli italiani, vai ai Consigli Europei a difendere le tue buone ragioni. Non stai a casa a grattarti la pancia o a dire ‘Prima gli italiani’ dal Papeete. Aoh, ma dai, abbi pietà. Prima le cubiste, altro che prima gli italiani“.
Che differenza c’è tra il Papeete e Capalbio non l’ho mai capito – insorge Senaldi – Il Papeete è un’azienda turistica con un sacco di soldi“.
Ma chi se ne frega che è un’azienda turistica – risponde Calenda – Ma vai ai Consigli Europei! Che fai, vai al Papeete? E su, sei un ministro della Repubblica!”.

L’articolo Salvini, scontro Calenda-Senaldi su La7. “Prima gli italiani? No, prima le cubiste del Papeete”. “È un azienda turistica che fattura tanti soldi” proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Cina, accordo per la tutela di 26 prodotti agroalimentari italiani: dal Grana padano a mozzarella di bufala e prosciutto di Parma

L’Unione europea e la Cina hanno raggiunto un accordo bilaterale per proteggere da “imitazioni e usurpazioni” 100 indicazioni geografiche europee in Cina e 100 cinesi nell’Ue. L’accordo include 26 prodotti agroalimentari italiani, dal grana padano alla mozzarella di bufala campana, dal prosecco al franciacorta, dal gorgonzola al prosciutto di Parma. L’elenco Ue delle indicazioni geografiche da proteggere in Cina comprende anche prodotti quali Cava, Champagne, Feta, Irish whiskey, Münchener Bier, Ouzo, Polska Wódka, Porto e Queso Manchego. Tra i prodotti cinesi nell’elenco vi sono, ad esempio, Pixian Dou Ban (pasta di fagioli Pixian), Anji Bai Cha (Tè bianco Anji), Panjin Da Mi (Riso Panjin) e Anqiu Da Jiang (Zenzero Anqiu). In questi giorni è in corso a Shanghai l’expo sulle importazioni, a cui partecipa anche il ministro degli Esteri italiano Luigi Di Maio.

Phil Hogan, commissario per l’Agricoltura e lo sviluppo rurale, ha dichiarato che “i prodotti a indicazione geografica europea sono rinomati in tutto il mondo per la loro qualità e i consumatori sono disposti a pagare un prezzo più elevato perché si fidano dell’origine e dell’autenticità di questi prodotti, ricompensando in questo modo gli agricoltori. L’accordo dimostra il nostro impegno a collaborare strettamente con i partner commerciali di tutto il mondo, come la Cina. Si tratta di una vittoria per tutti in quanto rafforza le relazioni commerciali, apportando benefici al settore agroalimentare e ai consumatori di entrambe le parti”.

Con un volume che ha raggiunto i 12,8 miliardi di euro (nel periodo di dodici mesi compreso tra settembre 2018 e agosto 2019), per l’Ue la Cina è la seconda destinazione delle esportazioni agroalimentari e di prodotti protetti come indicazioni geografiche che comprendono vini, prodotti agroalimentari e bevande alcoliche. In seguito alla conclusione dei negoziati, l’accordo sarà ora sottoposto a un controllo giuridico. Per quanto riguarda l’Ue spetterà poi al Parlamento europeo e al Consiglio dare l’approvazione. L’accordo dovrebbe entrare in vigore entro la fine del 2020. Quattro anni dopo l’entrata in vigore, l’ambito di applicazione dell’accordo sarà esteso ad altre 175 indicazioni geografiche per parte. Per queste denominazioni si dovrà seguire la stessa procedura usata per le 100 già comprese nell’accordo (ad esempio valutazione e pubblicazione per osservazioni). La cooperazione Ue-Cina in materia di indicazioni geografiche è iniziata oltre un decennio fa (nel 2006) e nel 2012, con la registrazione e la protezione di dieci indicazioni geografiche di entrambe le parti, ha posto le basi della cooperazione odierna.

L’articolo Cina, accordo per la tutela di 26 prodotti agroalimentari italiani: dal Grana padano a mozzarella di bufala e prosciutto di Parma proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Ue, 15 anni di Costituzione Europea. E non c’è nulla da festeggiare

Sono passati esattamente quindici anni da quando è nata la Costituzione europea. Eppure, a giudizio dello scrivente, vi è ben poco da festeggiare. Senza esagerazioni, lo si dovrebbe considerare un giorno di lutto nazionale in ogni Paese del vecchio continente. Come ho cercato di mostrare nel mio recente studio, scritto con Silvio Bolognini e intitolato Il nichilismo dell’Unione Europea, l’Unione europea corrisponde, per sua essenza, alla ristrutturazione verticistica del potere nel quadro post-1989.

È, in sintesi, l’unione delle classi dominanti d’Europa contro le classi lavoratrici e i popoli europei mediante quello che è stato a ragion veduta definito l’euro experiment. Con le grammatiche del Marx del Discorso sul libero scambio (1848), la classe dominante procedeva ancora una volta a “indicare con il nome di fratellanza universale lo sfruttamento nella sua forma cosmopolitica”.

L’Unione europea, in quanto realtà della Europe in the global age, secondo la formula di Anthony Giddens, è l’emblema dello spirito della globalizzazione cosmomercatista come vittoria della classe dominante liquido-finanziaria. Non ci protegge dai drammi del globalismo, ma li favorisce in tutto il territorio europeo: genera quella che ho definito la “glebalizzazione” (confronta Glebalizzazione. La lotta di classe al tempo del populismo, 2019), ossia l’abbassamento generale delle condizioni di vita e di lavoro dei ceti nazionali-popolari.

L’Unione europea corrisponde, allora, a una controrivoluzione neoliberista: è la rivolta dell’aristocrazia finanziaria, passata all’offensiva nel nuovo, e per essa favorevole, diagramma dei rapporti di forza successivo all’annus horribilis del 1989. Con la fondazione dell’Unione europea, si è prodotta la cessione delle sovranità nazionali dei popoli: le quali non sono state recuperate a un più alto livello, ossia come nuova sovranità del popolo europeo unificato. Sono, invece, state cedute a un ente privato, post-nazionale e non democraticamente eletto, rispondente al nome di Banca centrale europea (Bce, un soggetto sovrano, extra-nazionale, privato e sottratto anche alle procedure della democrazia elettiva.

In altri termini, secondo quella che è stata etichettata come the retreat of the State, il governo di Roma e quello di Parigi, quello di Madrid e quello di Berlino hanno ceduto la propria sovranità, anzitutto quella monetaria, a una società privata, la Bce, emanazione diretta della classe globocratica dominante. Quest’ultima, grazie al suo monopolio dei mezzi di informazione, è altresì riuscita a fare in modo che ciò, nell’immaginario collettivo, coincidesse con la “democrazia” e che, di conseguenza, ogni movimento orientato al recupero della sovranità nazionale fosse aprioricamente delegittimato come antidemocratico e parafascista, nell’apice dell’inversione orwelliana tra parole e cose. È la “Matrix europea”, come l’ha appellata Francesco Amodeo.

“L’euro è irreversibile”, ripetono gli euroinomani, ogni giorno più numerosi: perfino Matteo Salvini s’è recentemente scoperto adepto dell’europeisticamente corretto. Dalla struttura stessa della Ue sono scaturiti tanto il deficit democratico strutturale (e non accidentale, né transeunte) dell’Unione europea, quanto il suo neocolonialismo finanziario, che decide della vita e della morte dei popoli degli Stati europei. Stati che – giova rammentarlo – hanno rinunziato alla propria sovranità monetaria, senza che si ricorresse alla “estetica dei supplizi”, come l’avrebbe appellata il Michel Foucault di Sorvegliare e punire, connessa alle bombe e ai carri armati.

Complici i processi di desovranizzazione organizzata, le politiche economiche e il futuro dei popoli europei sono ora decisi da consigli di amministrazione. Su queste basi poggia anche quella che vorremmo definire, senza perifrasi edulcoranti, l’irriformabilità dell’Unione europea: irriformabilità che deriva more geometrico dal fatto che non si può, “per la contradizion che nol consente”, riformare e ridemocratizzare uno spazio che è stato pensato e creato ad hoc per svuotare le democrazie europee, ponendo i processi decisionali nelle stanze chiuse e postdemocratiche dell’aristocrazia finanziaria.

Insomma, non v’è davvero nulla da festeggiare. A meno che, ovviamente, non si sia membri della classe dominante, dell’aristocrazia finanziaria che comanda nell’Unione europea.

L’articolo Ue, 15 anni di Costituzione Europea. E non c’è nulla da festeggiare proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Brexit, Tusk: “I 27 Paesi Ue hanno accettato il rinvio fino al 31 gennaio 2020”. Ma Johnson punta alle elezioni il 12 dicembre

I 27 Paesi membri dell’Unione, esclusa la Gran Bretagna, hanno aperto a un ulteriore rinvio della Brexit. Lo ha annunciato su Twitter il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, scrivendo: “I 27 Paesi Ue hanno deciso di accettare la richiesta del Regno Unito di una flextension fino al 31 gennaio 2020. La decisione sarà formalizzata con una procedura scritta”. Una risposta che arriva in seguito alla richiesta, obbligata dalla nuova legge anti no deal, inviata il 20 ottobre dal premier Boris Johnson che, però, punta al voto anticipato il 12 dicembre.

Per fare ciò, l’inquilino del 10 di Downing Street riproporrà lunedì pomeriggio una mozione per cercare di ottenere il via libera allo scioglimento della Camera dei Comuni il 6 novembre e indire quindi le elezioni per metà dicembre, al fine di rompere l’impasse parlamentare sulla Brexit che si protrae dal mandato di Theresa May.

Al momento, però, Johnson non ha il quorum dei due terzi per farla passare: gli servono i voti dell’opposizione laburista, il cui leader Jeremy Corbyn ha chiesto come condizione l’impegno a escludere un no deal anche per il futuro. Un epilogo che una proroga della Brexit può al momento allontanare solo a termine. Altri due partiti di opposizione, LibDem e indipendentisti scozzesi, hanno intanto offerto una via alternativa per le elezioni: con legge ordinaria, da approvare entro giovedì e per la quale basterebbe la maggioranza semplice, ma con le urne convocate il 9 dicembre, non il 12, e senza lasciare tempo al governo fino al 6 novembre per un ultimo tentativo pre elettorale di far ratificare a Westminster l’accordo di divorzio raggiunto dalla maggioranza Tory.

L’articolo Brexit, Tusk: “I 27 Paesi Ue hanno accettato il rinvio fino al 31 gennaio 2020”. Ma Johnson punta alle elezioni il 12 dicembre proviene da Il Fatto Quotidiano.

 – Leggi

Translate »